Home Cronaca TARANTO SI CANDIDA PER OSPITARE UNA SFILATA DI GUCCI

TARANTO SI CANDIDA PER OSPITARE UNA SFILATA DI GUCCI

TARANTO SI CANDIDA PER OSPITARE UNA SFILATA DI GUCCI
1.06K
0


E’ di questi giorni la notizia del gran rifiuto delle autorità greche alla richiesta di Gucci, il celebre marchio di moda, di poter organizzare una sfilata sul Partenone. È quanto scrive il Presidente del Consiglio Comunale di Taranto Piero Bitetti.
Atene ha insomma detto di no a quello che sarebbe stato un vero e proprio evento internazionale. Il carattere unico dell’Acropoli e l’interesse culturale che ne deriva – questa in sintesi la risposta della Grecia – sono incompatibili con l’organizzazione di una sfilata.
A questo punto, perché non chiedere a Gucci di organizzarla a Taranto? Possiamo almeno provarci. Più di un motivo mi spinge a prendere in esame questa idea. Il capoluogo ionico non è Atene ma la nostra città – come tutti sappiamo – rappresenta un luogo straordinario che esprime ai massimi livelli la cultura magnogreca. E dunque l’obiettivo di coniugare l’evento mondano con la cultura sarebbe centrato. In quest’ottica, un ruolo di primaria importanza potrebbe giocarlo per esempio il Marta, il nostro museo che, secondo le condivisibili aspettative della direttrice, intende a giusto titolo proiettarsi e farsi apprezzare in ambito internazionale. Contestualmente alla sfilata di moda – qualora la proposta venisse accolta – potremmo infatti organizzare altri eventi speciali per promuovere da un lato il polo museale ionico e dall’altro, più in generale, tutti i beni culturali, compresi quelli storico-paesaggistici, dell’area ionica. Indubbiamente si tratta di una bella sfida con cui misurarsi per dimostrare, innanzitutto a noi stessi, che siamo capaci di realizzare un’ambiziosa operazione di marketing territoriale che dovrebbe poter contare sul contributo di tutti, dalle istituzioni locali alle associazioni di categoria e di rappresentanza del mondo sociale ed economico tarantino.
Assumo pertanto l’impegno di approfondire la fattibilità di un’opportunità del genere, contattando direttamente i vertici di Gucci.

(1057)

Commenti

commenti