(ANSA) – Il disegno di legge sul ciclo dei rifiuti è approdato nell’Aula del Consiglio regionale. Alla discussione si è arrivati dopo polemiche tra la maggioranza di centrosinistra e le opposizioni (Forza Italia, Conservatori e Riformisti, Movimento 5 Stelle e Area Popolare) che hanno protestato per la tempistica e la modalità dell’iter. Il ddl prevede la creazione di una nuova governance nella gestione del ciclo dei rifiuti. Tra le novità, oltre all’individuazione dell’Ambito territoriale ottimale nell’intero territorio regionale, c’è l’istituzione dell’Agenzia regionale per il servizio di gestione dei rifiuti, con personalità giuridica di diritto pubblico e autonomia tecnico-giuridica, amministrativa e contabile. Ad accompagnare la discussione in Consiglio c’è la protesta del M5S con una trentina di attivisti che stanno manifestando fuori dalla sede dell’Assemblea in via Capruzzi.
Con loro anche un gruppo di lavoratori brindisini della società multiservizi Santa Teresa che manifesta con il sindacato Cobas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *