VENERDÌ PROSSIMO A INVESTITALIA INCARICO PER PROGETTO AGROMED

Venerdì prossimo, in Prefettura a Taranto, prima che abbia luogo la seduta del Tavolo istituzionale Taranto col sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Mario Turco, la società Agromed assegnerà alla società pubblica Investitalia l’incarico per la redazione del progetto esecutivo finalizzato all’utilizzo di una prima parte dell’ex stabilimento tessile Miroglio a Castellaneta (Taranto). Lo dichiara il presidente della società Agromed, Vincenzo Cesareo. Lo stabilimento ha 15mila metri quadrati coperti e 4 ettari di area circostante.
Cesareo, insieme ai consiglieri di amministrazione Luca Lazzàro e Francesco De Filippis, ha intanto incontrato il senatore Sergio Puglia, dell’M5S, componente della commissione Agricoltura in visita a Taranto. Al senatore Puglia sono stati illustrati gli obiettivi della società benefit Agromed – interamente partecipata dalla Camera di Commercio di Taranto – attraverso un riepilogo delle vicende che hanno interessato sia l’assetto societario che lo stesso progetto. “Compito di questa società – ha detto Cesareo al senatore Puglia, che era accompagnato dal consulente giuridico e capo segreteria Sissi Maria Lieti – non è il profitto ma mettere a sistema, valorizzandoli, i diversi fattori dell’agricoltura. Non vogliamo entrare in concorrenza con gli operatori, nè con gli esportatori, ma offrire loro, specialmente ai piccoli, un sostegno in più per quanto concerne logistica, esportazione, internazionalizzazione, lavorazione nel segmento della quarta e quinta gamma e shelf life dei prodotti”. Quando la società Agromed si è rimessa in pista, con la decisione della Camera di Commercio di Taranto a febbraio 2018 di rivisitare il progetto, sono stati vagliati – ha rammentato Cesareo – una serie di manufatti dove allocare il complesso. E tra questi, Grottaglie, Lizzano, la piastra logistica del porto e Castellaneta dove alla fine è ricaduta la scelta. Il presidente di Agromed ha quindi riepilogato il lavoro di questi mesi, dalla riprogrammazione dei fondi in sede Cipe, con l’intervento del sottosegretario Turco, al recente accordo in sede Mise col piano piano industriale che porterà a 28 occupati da assumere dal bacino ex Miroglio. “Ci sono però altre iniziative che stiamo vagliando – ha annunciato Cesareo al senatore Puglia – e tra queste l’istituzione di un Borsino telematico dell’arco ionico, per il quale ci sono già primi segnali di interesse da parte di operatori più orientati all’internazionalizzazione, e il ricorso al venture capital, utilizzando una parte delle risorse disponibili, per accedere a finanziamenti”. Cesareo ha inoltre specificato che Agromed potrebbe anche utilizzare parte delle celle frigorifere del Me.Ta., Mercato ortofrutticolo Taranto, e della piastra logistica portuale (su questo sarà fatta una valutazione specifica). Il consigliere Lazzàro ha aggiunto che Agromed vuole anche contribuire ad aggregare l’offerta agricola, superando quella parcellizzazione e polverizzazione che sinora ne ha costituito un limite. “Puntiamo a rafforzare le Op, Organizzazioni produttori – ha detto Lazzàro -, e quindi a supportare l’economia agricola e agroalimentare”. Lazzàro ha anche detto che Agromed non si chiude nei confini di Castellaneta ma che guarda anche all’area di Grottaglie, alle potenzialità cargo dell’aeroporto e all’impulso commerciale che può ricevere il superfresco a partire dall’uva da tavola, produzione che ha un importante riferimento proprio in quell’area. “Ma vogliamo lavorare anche per disciplinari produttivi condivisi – ha aggiunto il consigliere De Filippis – nell’ottica di dare servizi al mondo agricolo. Un mondo ricco di potenzialità e che può assumere un ruolo nuovo nella struttura economica provinciale, oggi orientata a cercare un diverso assetto”.
Il senatore Puglia ha espresso apprezzamento per il progetto Agromed e ha detto che la sua visita a Taranto ha avuto la finalità di conoscere da vicino sia l’iniziativa che coloro che la stanno portando avanti. “Il Sud – ha detto – deve crescere anche in queste cose”. L’incontro col senatore Puglia ha riguardato anche altri temi di evidenza per il mondo agricolo (come il trasporto dei lavoratori alla luce delle misure preventive Covid 19) e si è concluso con l’impegno ad effettuare uno specifico approfondimento in sede di commissione Agricoltura del Senato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *