90 MILIONI DI EURO PER LA RIQUALIFICAZIONE E RIGENERAZIONE URBANA DEL CENTRO STORICO DI TARANTO

Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) ha approvato un piano di investimenti del valore di 740 milioni di euro per rafforzare l’offerta culturale e potenziare i sistemi urbani e di promozione turistica. 59 interventi che rispondono a un approccio sinergico che vede nell’integrazione tra le politiche culturali e turistiche la componente essenziale per la crescita dell’occupazione e dell’economia nazionale e per lo sviluppo dei territori in chiave sostenibile. Interventi che completano la programmazione strategica portata avanti dal Mibact negli ultimi 4 anni attraverso diversi piani e programmi finanziati da fondi nazionali e comunitari. Un impegno rilevante che porta a 4,2 miliardi di euro (4.249.943.675€) il valore degli oltre 1.500 cantieri della cultura in corso sull’intero territorio nazionale.

“Il piano del Mibact approvato oggi dal Cipe – dichiara il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini – sosterrà nuovi interventi di quel ‘cantiere cultura Italia’ avviato quattro anni fa per recuperare un colpevole ritardo nell’adempimento dell’articolo 9 della Costituzione che investe la Repubblica del compito di salvaguardare il patrimonio culturale e paesaggistico della nazione. Da un fondo di poco meno di 40 milioni di euro per il recupero dei beni artistici, archeologici e monumentali si è passati a oltre 4 miliardi di euro. Un segnale forte di quanto si sia investito in cultura e turismo in questi 4 anni”.

In Puglia il Piano ha approvato l’intervento di riqualificazione e rigenerazione urbana del centro storico di Taranto per un valore di 90 milioni di euro. Fondi che potranno essere impegnati per progetti strategici integrati e plurisettoriali, dalla tutela e valorizzazione del patrimonio, alle infrastrutture urbane, al recupero architettonico, fino alla scuola, alla formazione e alle azioni per favorire l’inclusione sociale. Gli interventi saranno attuati nell’ambito del CIS già istituito con il D.L. 5 gennaio 2015 n.1, convertito con modificazioni della Legge n.20/2015, nel quadro del Piano degli interventi per la “Città Vecchia”. Tali iniziative hanno un primo obiettivo di riqualificazione della Città Vecchia nell’ambito della nuova offerta turistico-culturale di Taranto Polo internazionale dell’archeologia della Magna Grecia, attraverso l’interazione tra il MARTA e alcuni siti del territorio provinciale tarantino nonché di città d’arte emergente. Al contempo la Città vecchia può rappresentare, attraverso un nuovo posizionamento strategico dell’isola, il luogo di riferimento culturale della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *