AGGREDISCE IL COMPAGNO DELLA SUA EX CON UN MAZZA DA BASEBALL

I Carabinieri della Stazione di Statte, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Taranto, dott. Martino Rosati, su richiesta del P.M. del medesimo Tribunale, dott.ssa Lucia ISCERI, hanno arrestato un 52enne del luogo per atti persecutori e violenza privata.

Nel 2017 la donna con la quale l’uomo era legato sentimentalmente da circa 10 anni, decideva di porre fine alla loro relazione sentimentale, dalla quale era nata una figlia e, a seguito di ciò, il 52enne, nei mesi successivi, poneva in essere una serie di comportamenti vessatori e minacciosi nei confronti della stessa.

L’uomo in una circostanza era anche entrato arbitrariamente nell’abitazione della ex convivente e, dopo averle sottratto il telefono cellulare, con l’intento di reperire indizi utili e verificare l’identità dell’uomo con cui quest’ultima aveva allacciato una nuova relazione sentimentale, in preda ad un raptus di gelosia, giunto sulla pubblica via ed alla presenza di numerose persone, glielo scagliava contro. Anche l’attuale compagno della donna subiva minacce di morte a mezzo telefono da parte del 52enne che, in un’occasione, si presentava anche presso l’abitazione dell’anziana madre dell’uomo e, mostrandole una pistola, reiterava tali minacce a carico del figlio. In un’altra circostanza, il 52enne affrontava l’attuale compagno della ex convivente nella piazza cittadina e, alla presenza di numerose persone, con una mazza da baseball picchiava violentemente l’uomo, allontanandosi solo quando si accorgeva del sopraggiungere dei Carabinieri. Nell’occorso il malcapitato, trasportato in Ospedale, riportava diverse lesioni per le quali veniva anche sottoposto ad un intervento chirurgico, venendo poi dimesso con una prognosi di alcuni giorni.

Per tale motivo il GIP del Tribunale di Taranto, accogliendo la richiesta del P.M. emetteva la misura cautelare; i Carabinieri, dopo aver rintracciato il 52enne, espletate le formalità di rito, lo hanno tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Taranto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *