ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: LA MARINA CON SEI SCUOLE DI TARANTO (FOTO)

IL CENTRO OSPEDALIERO MILITARE PER L’ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A FAVORE DI SEI ISTITUTI SCOLASTICI TARANTINI
Segui le novità della #MarinaMilitare live su Twitter: @ItalianNavy #ProfessionistiDelMare #ilFuturoèilMare
Ieri, presso la Sala Convegni del Centro Ospedaliero Militare di Taranto ha avuto inizio il progetto di Alternanza Scuola Lavoro che vede impegnato il centro di eccellenza sanitario della Marina Militare collegato in rete con gli studenti di sei istituti scolastici tarantini – il Liceo scientifico Battaglini, il Liceo Archita, l‘IPS Cabrini, il Liceo Artistico Calò Lisippo, l’IISS Pacinotti ed il liceo scientifico dell’IISS Righi.
Nel corso dell’evento, il Direttore del Centro Ospedaliero Militare di Taranto, capitano di vascello Vincenzo Mascellaro, ha illustrato ai Dirigenti Scolastici intervenuti, alla Presidente della Croce Rossa Italiana provinciale ed ai 150 studenti presenti le linee generali del programma, caratterizzato principalmente dallo svolgimento di laboratori e tirocini presso i vari Reparti del Centro Ospedaliero e da visite e attività presso Comandi e assetti operativi della Marina Militare. I tirocini e i laboratori riguarderanno diverse materie e saranno seguiti da personale della Forza Armata e da esperti appartenenti da associazioni di volontariato che operano sul territorio.
La capacità di fare “equipaggio” è una caratteristica tipicamente riconosciuta alla gente di mare ed è la peculiarità stessa dell’ambiente marino. Sappiamo bene che il mare oltre a formare insegna soprattutto a fare squadra, a rispondere coralmente, ciascuno con il proprio ruolo e le proprie capacità, ma tutti e nessuno escluso, egualmente importanti e fondamentali.
Quello che il progetto di Alternanza Scuola Lavoro, già avviato in numerose sedi della Marina Militare, si prefigge è di creare una nuova tipologia di equipaggio composto dal personale della Forza Armata, dagli studenti e dai loro insegnanti nonché dalle associazioni di volontariato per la diffusione e la salvaguardia della cultura marittima del Paese in un percorso condiviso innovativo e multidisciplinare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *