AMMAZZÒ LA MOGLIE, SI SUICIDA IN CARCERE

“L’ambiente, la salute e i lavoratori non si affittano e non si vendono”: questo lo slogan che ha accompagnato un corteo e lo sciopero di 24 ore organizzato dall’USB oggi (26 luglio, a quattro anni dal provvedimento della Magistratura) contro il decimo decreto salva Ilva. Il corteo è partito alle ore 7 dalla portineria A ed è terminato davanti allo stabilimento Eni.
“Crediamo che questo decreto non salvaguardi ambiente, lavoratori e salute della città. Il nostro è uno sciopero contro le azioni che il Governo sta intraprendendo che, a nostro avviso, non sono a tutela dei cittadini, ma inibiscono ragionamenti alternativi su Taranto – spiega Francesco Rizzo, coordinatore provinciale USB Taranto -. Questo Governo ha avuto in tre anni l’opportunità, anche in base alle ricerche dello studio Sentieri sulla questione dell’amianto e della diossina, di varare un provvedimento che potesse permettere ai lavoratori dell’Ilva di Taranto di abbreviare la vita lavorativa con una legge ad hoc. E invece si mostra nuovamente indifferente. Con lo sciopero inoltre vogliamo ribadire il nostro no contro questo tipo di affitto.”
Si ringrazia per la foto Maurizio Ingenito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *