ANCORA: ‘E’ LA MIA ANNATA MIGLIORE COL TARANTO’

Ospite a 100 Sport Magazine l’attaccante del Taranto, Cristiano Ancora, che racconta quella che è la sua migliore stagione con la maglia rossoblù, nonostante sia alla terza esperienza in riva allo Ionio.
“Stiamo facendo benissimo da quando c’è questa società e col nuovo gruppo. Viviamo domenica dopo domenica. Se il Potenza vince sempre tanto di cappello, cerchiamo di vincere quante più gare possibili. Mi manca il gol, spero di farlo presto, allo Iacovone non ho ancora segnato però spero arrivi presto. La posizione in campo? Sono un po’ distante ma da quando stiamo giocando con questo schema abbiamo fatto molto bene. Dobbiamo sacrificarci un po’, ma è l’obiettivo comune quello che è importante. Fisicamente sto bene, è vero. È la prima volta alla terza esperienza. Ho voluto mettermi in discussione, sto trovando continuità e mentalmente sento la fiducia del mister e dei compagni. Noi nello spogliatoio ci parliamo, magari chi non gioca non sarà contento ma è giusto che sia così. Può essere, anzi, un motivo in più per poter impegnarsi e conquistare un posto da titolare. La maglia numero 10? Già è un onore vestire questa maglia e spero con le mie prestazioni di onorarla. Chi l’ha indossata ha scritto la storia di questa città e di questa squadra. Con D’Agostino e Favetta si c’è appeal, noi ci aiutiamo ma il merito è i tutti. Con mister Cazzarò ho avuto la possibilità di conoscerlo appieno. Con lui ho fatto l’attaccante, l’ala destra, il trequartista ora l’esterno d’attacco. Sono un calciatore che vive di giocate estemporanee, parto dalle retrovie e vivo per l’uno contro uno. A volte va bene, altre no. Facciamo quanti più punti possibili, poi vediamo come andrà anche d’estate. Il Potenza è la più costante, ha avuto una mini crisi prima di Taranto. Pensare che sia finita è sbagliato, però fino ad ora non ha sbagliato. Domenica è una giornata importante, penso che la partita più difficile l’abbiamo noi contro il Picerno fuori case. Li rispettiamo, il loro campo è ostico ma vogliamo finire benissimo il campionato. Abbiamo recuperato tanti punti, il rammarico è aver disputato le migliori gare contro chi ci sta davanti. Futuro? Pensiamo al presente e poi vedremo le scelte della società. Fosse per me resterei, mi sento a casa e mi sento al top qui. Sento la passione dei tarantini. Ma queste valutazioni le vedremo più avanti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *