Home Taranto calcio ANCORA VOTA TARANTO: ‘IL GRUPPO PUO’ FARE MIRACOLI’

ANCORA VOTA TARANTO: ‘IL GRUPPO PUO’ FARE MIRACOLI’

ANCORA VOTA TARANTO: ‘IL GRUPPO PUO’ FARE MIRACOLI’
0

Un vero e proprio plebiscito nei messaggi che hanno invaso la bacheca di 100 Sport Magazine: Ancora titolare. Ma ‘Cristianone’ preferisce non guardare il suo contributo personale, ma quello che lui assieme ai compagni mette a disposizione di quella maglia rossoblù del Taranto che vuol portare ancor più in alto. Questo il suo pensiero sul momento che gli ionici stanno attraversando, visto anche il -2 in graduatoria.

“Esser pronti quando ti chiamano in causa è normale per una squadra come la nostra. Siamo in un momento delicato e si sta creando un bel gruppo. Anzi, grande. Perché lottiamo l’uno per l’altro. L’obbiettivo comune è la cosa più importante non i personalismi. La vittoria contro l’Aprilia è importantissima, sembrava un pari stregato. Cercheremo di vincerle tutte e poi alla fine tireremo le somme. Il secondo posto è alla nostra portata, l’obiettivo stabilito dalla società qualche settimana fa. Ma adesso facciamo il possibile per proseguire sulla strada giusta, ossia quella intrapresa. Tutti vogliono giocare non c’è nulla di male, l’importante è farsi trovar pronti e mettere in difficoltà l’allenatore. La spinta del pubblico? Si sa a cosa si va incontro nel bene e nel male. A volte sento parlare di tensione, loro domenica ci sono stati vicini e ci abbiamo creduto e noi abbiamo fatto il massimo per vincere e raggiungere i 3 punti. Le lacrime di Marsili? È un tarantino di adozione, tutta la rabbia l’ha sfogata così, con qualche lacrima sul viso. Il gol di Genchi? Ha fatto un gran gol, era difficile. Inutile pensare alle due gare in casa, pensiamo al Gallipoli da affrontare dopo la sosta. Infatti è Gallipoli per noi importantissima. Perché dobbiamo viverla gara dopo gara, fino alla fine. Nardò e Francavilla? Sono due squadre forte, ma noi pensiamo a fare il nostro, dobbiamo raccogliere quanti più punti possibili. I pali di De Giorgi? E’ un giocatore fantastico, un po’ sfortunato. Ma sono convinto che tornerà dove merita. I loro calendari? Non ci sono partite facili per nessuno, tutte le formazioni hanno delle ambizioni. Dobbiamo giocarle tutte allo stesso modo. Solo così si può fare qualcosa di importante. Regolarità di campionato? Non mi va di parlare di queste cose, non ci interessa di quello che dicono gli altri. Ho fatto tanto per riavere la maglia rossoblù, spero di restare qui a lungo, sono contento e speriamo le cose vadano come tutti sperano. La società? Più che un aggettivo vanno elogiate queste persone, quando tutti ci davano addosso sono stati sempre vicini. Tutti insieme siamo venuti fuori da questo momento difficile e si meritano di avere soddisfazioni. Tanti complimenti li ringrazio ai tifosi e ho voglia di dar tanta gioia. Mi sento un privilegiato a indossare questa maglia e me la tengo stretta. La difesa? Merito di tutti se prendiamo pochi gol. Nel primo tempo eravamo sotto ritmo, quando incontri quelle squadre bisogna essere bravi a segnare. A prescindere del gol segnato sul finale”.