ASSESSORE BORRACCINO, OK DAL CIS ALLA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA SEDE DEL CORSO DI LAUREA IN MEDICINA PRESSO LA SEDE DELL’EX BANCA D’ITALIA DI TARANTO

Nel corso dell’ultima riunione tecnica del “Contratto Istituzionale di Sviluppo“, svoltasi in video conferenza nei giorni scorsi per fare il punto della situazione sull’andamento degli investimenti previsti nell’ambito del CIS per Taranto, su proposta del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Sen. Mario Turco, in piena sintonia con la Regione Puglia, è stato individuato un nuovo intervento da realizzare nel capoluogo jonico, che prevede l’acquisizione di un edificio di proprietà della Banca d’Italia da riqualificare e destinare ad attività accademica e di didattica laboratoriale per l’avvio del Corso di Laurea in Medicina.

Come più volte il Presidente Emiliano ha avuto modo di affermare, la Regione Puglia farà tutto quello che è nelle sue competenze per favorire la più rapida realizzazione possibile di questo progetto che finalmente potrà dotare Taranto, già da quest’anno di un autonomo Corso di Medicina, un obiettivo strategico che come Governo regionale, con gli Enti territoriali, stiamo perseguendo da tempo con forza e determinazione.

Sono estremamente soddisfatto per il significativo passo in avanti compiuto in sede di Tavolo Istituzionale Permanente nella direzione di dotare la nuova “Scuola di Medicina” di Taranto di una sede che potrà offrire, dopo gli interventi di ristrutturazione, tutti i più avanzati standard qualitativi per consentire che le attività di studio e ricerca possano svolgersi nel migliore dei modi, riqualificando altresì un palazzo storico della città.

L’immobile sarà acquistato dalla Asl di Taranto con fondi messi a disposizione dalla Regione Puglia attraverso una rimodulazione degli interventi previsti nel CIS.

A questo straordinario risultato per tutta la comunità jonica si arriva, dopo un percorso avviato circa 2 anni fa, partito dal basso, grazie all’importante gioco di squadra messo in campo da tutti i soggetti istituzionali, dal Governo alla Regione Puglia, dal Comune di Taranto alla Provincia, dalla Asl Ta, sino, infine, ma non certo da ultimo, all’UNIBA.

Per la realizzazione di questo intervento è stimato un costo di circa 5 milioni di euro per l’acquisizione e di 8 milioni di euro per la ristrutturazione, uno sforzo economico e finanziario importante che sarà possibile realizzare grazie alla rimodulazione, da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, di tre interventi già previsti nella Città Vecchia di Taranto (che interessano Palazzo Carducci, Palazzo Troilo e l’edificio di Via Garibaldi) la cui copertura finanziaria è garantita a valere sulle risorse del Patto per la Puglia FSC 2014-2020.

Già partito l’iter amministrativo per l’ammissione a finanziamento di questo nuovo intervento con l’impegno di tutte le Amministrazioni coinvolte di concluderlo in tempi rapidi, fermo restando che ove le risorse attualmente stanziate non dovessero risultare sufficienti, si provvederà con l’individuazione di nuove risorse sempre allocate nell’ambito del CIS Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *