BLITZ DEI CARABINIERI, ARRESTI A TARANTO

  • di

Alle prime ore del mattino di oggi, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa del N.O.R.M. della Compagnia di Taranto, coadiuvati nella fase esecutiva da militari del Comando Provinciale di Taranto, con il supporto di unità cinofile del Nucleo Carabinieri Cinofili di Modugno, hanno dato esecuzione, nel rione “Italia” del capoluogo jonico, a 4 provvedimenti cautelari, tutti in carcere, emessi dal GIP del Tribunale di Taranto, dr.ssa Vilma Gilli, su richiesta del Sost. Procuratore della Repubblica presso il medesimo Tribunale, dr. Raffaele Graziano, nei confronti di altrettanti soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, di traffico e detenzione di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi da fuoco e tentata estorsione aggravata e continuata in concorso.

Le indagini, avviate nel novembre 2017 dai Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Taranto e coordinate dalla locale Procura, hanno fatto luce su un gruppo criminale operante nel capoluogo ionico, con epicentro nel rione “Italia”, dedito ad attività di traffico di sostanze stupefacenti e costituito da soggetti originari e residenti nel capoluogo ionico.

L’attività investigativa, scaturita da una denuncia presentata da un ragazzo ventenne, residente a Taranto, nei confronti di alcuni individui del luogo che da tempo lo stavano perseguitando ed opprimendo finanche tramite aggressioni fisiche, ha consentito di accertare che la giovane vittima:

– negli ultimi anni avrebbe vissuto in uno stato di dipendenza ed assuefazione da sostanze stupefacenti che lo avrebbe indotto a rifornirsi con assiduità di droghe del tipo hashish, marijuana e cocaina;

– tale stato di dipendenza lo avrebbe costretto ad acquistare e ricevere assiduamente dagli indagati le citate sostanza stupefacenti in vari quantitativi, nell’imminenza senza un corrispettivo in contanti a seguito di un accordo con i fornitori, nell’ambito del quale, avrebbe promesso loro di provvedere al pagamento entro i tre mesi successivi tramite il denaro ottenuto dai genitori;

– a seguito di forte indebitamento con i fornitori per una somma ammontante a circa 7.500 euro, gli indagati, determinati a riscuotere il credito vantato e dall’indole piuttosto violenta, avrebbero dato luogo ad una continua ed assillante oppressione tradottasi nel tempo in una serie di aggressioni, minacce e molestie;

– sarebbe stato forzatamente condotto in Taranto presso un condominio ove è ubicata l’abitazione di uno degli indagati, per essere successivamente trattenuto contro la sua volontà per diverse ore; in quel luogo sarebbe stato quindi legato ad una sedia, incappucciato nonché minacciato di morte anche mediante l’uso di una pistola se non avesse ottemperato nell’immediatezza ad onorare il debito;

– a seguito del citato episodio, impaurito e temendo ulteriori atti aggressivi si sarebbe rifugiato in due distinte strutture alberghiere nel settentrione per alcuni giorni.

La rapida attività investigativa, declinatasi nell’escussione della vittima, di alcuni testimoni tra i quali proprio un genitore, nell’analisi di tabulati di traffico telefonico a carico della vittima e degli indagati nonché in attività dirette di polizia giudiziaria quali prolungati servizi di osservazione, controllo e pedinamento, hanno permesso ai militari di riscontrare le dichiarazioni del denunciante.

A rendere ancor più urgente il provvedimento emesso dall’Autorità Giudiziaria jonica vi è anche il curriculum giudiziario degli indagati; a tal proposito si specifica che, dagli accertamenti, è emerso che:

– Comis Christian e Catapano risultano condannati per rapina;

– in generale, a tutti gli indagati viene contestata la recidiva nel quinquiennio.

Nelle prime ore del mattino, l’ingente spiegamento di uomini e mezzi, è stato accuratamente schierato a cinturazione dell’intera area d’intervento al fine di garantire la necessaria cornice di sicurezza degli operanti. I circa 40 uomini agli ordini del Maggiore Tadoldi, Comandante della Compagnia di Taranto, hanno infatti, dapprima, bloccato le vie di accesso ad uno degli edifici “roccaforte” di una delle più importanti piazze di spaccio della zona di via Plinio – che ospita le abitazioni degli arrestati – e successivamente sottoposto a perquisizione le singole unità abitative. Le attività sono state notevolmente complesse in considerazione della particolare conformazione urbanistica della zona di operazione, che per certi aspetti rievoca gli scenari napoletani del ben noto quartiere “Le Vele” di Scampia (enormi edifici densamente abitati, sistemi di avvistamento a tutela delle piazze di spaccio, impraticabilità dei seminterrati e delle zone condominiali di uso comune, etc.). All’atto dell’irruzione all’interno degli appartamenti degli arrestati le unità cinofile antidroga hanno sin da subito segnalato ai militari conduttori la probabile presenza di stupefacente. Di fatti di lì a poco, approfondite perquisizioni hanno consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro:

– la somma contante di circa 4.800 euro, suddivisi in banconote di piccolo e medio taglio, abilmente occultati nel vano di un mobile presso l’abitazione di Catapano;

– un’ingente quantità di materiale per il confezionamento della sostanza stupefacente consistente in buste di plastica, carta velina e bustine termosaldate.

L’operazione è stata convenzionalmente denominata “Plinio” in relazione all’omonima via del quartiere “Italia”, luogo di residenza di gran parte degli indagati, ove sarebbero stati perpetrati i delitti a loro contestati.

In sintesi, nell’ambito del procedimento, in cui sono indagate complessivamente 4 persone, il G.I.P. di Taranto ha emesso O.C.C. a carico di tutti per i reati di detenzione e traffico di sostanze stupefacenti in concorso e continuato (art. 73 D.P.R. 309/1990 ed art. 81-110 del Cod. Pen. c.p.), detenzione illegale di arma clandestina in concorso (art. 10 e 14 L. 497/1974 ed artt. 61 e 110 cod. pen.) e tentata estorsione aggravata e continuata in concorso (artt. 56, 81, 110 e 629 cod. pen.) disponendo la custodia cautelare in carcere a carico dei seguenti 4 soggetti. Gli arrestati sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Taranto.

ELENCO SOGGETTI ARRESTATI

ASSOCIATI ALLA CASA CIRCONDARIALE TARANTO:

1. ZONILE GIOVANNI, NATO A TARANTO IL 05.08.1994;

2. CATAPANO ANTONIO,NATO A TARANTO IL 26.05.1989;

3. COMIS CRISTIAN, NATO A CATANIA IL 16.03.1993;

4. AXO GIUSEPPE, NATO A TARANTO IL 31.07.1986.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *