Home Cronaca BOCCIATO ANCORA IL PIANO DI RIORDINO OSPEDALIERO

BOCCIATO ANCORA IL PIANO DI RIORDINO OSPEDALIERO

BOCCIATO ANCORA IL PIANO DI RIORDINO OSPEDALIERO
0

Ancora un no della Commissione sanità della Regione Puglia al Piano di riordino ospedaliero. Il presidente Romano ha annunciato le dimissioni.
La delibera relativa al riordino ospedaliero e della rete emergenza urgenza, modificata rispetto al testo che aveva già ricevuto un esito negativo, non ha superato l’esame in Commissione sanità.
Sei i voti contrari, tra i quali quelli dei consiglieri di maggioranza Cosimo Borraccino (SI) e Paolo Campo (Pd), oltre a i quattro consiglieri di opposizione Mario Conca e Marco Galante (M5S), Nino Marmo (FI) e Luigi Manca (Cor).
La delibera ha ottenuto i cinque voti favorevoli dei consiglieri di maggioranza. All’esito della votazione il presidente della Commissione sanità, Pino Romano, ha annunciato le dimissioni.
Non sono bastate le rassicurazioni del neo direttore generale del Dipartimento Salute della Regione Giancarlo Ruscitti a convincere i commissari sul piano ospedaliero. Ruscitti ha fatto una presentazione di ampio respiro partendo dal Piano operativo, per arrivare ai Livelli essenziali di assistenza recentemente aggiornati.
Dopo gli interventi di ben 14 consiglieri di maggioranza e opposizione (Marmo, Zullo, Borracino, Perrini, Ventola, Gatta, Galante, Conca, Manca, Damascelli, Pentassuglia, Campo, Pendinelli e Pellegrino) in cui sono stati posti diversi rilievi circa il rischio concreto di accentuare le disomogeneità nell’assistenza sanitaria tra le varie province, le perplessità di diversi commissari sono rimaste: oltre a quelle già note di Cosimo Borracino che ha presentato diversi emendamenti, si sono aggiunte quelle di Paolo Campo (PD). Le due defezioni nella maggioranza hanno avuto buon gioco nel determinare, con le opposizioni, il voto finale contrario al provvedimento e le conseguenti dimissioni del presidente della III commissione Pino Romano.
In precedenza la seduta della commissione prevista per venerdì 20 con la partecipazione dell’Assessore alla sanità Michele Emiliano era stata spostata (a seguito di impegni istituzionali del presidente) a lunedì 23 gennaio per la discussione sulle “Linee ed indirizzi di politica sanitaria – Priorità“.