CAMBIA L’ORARIO DI CASARANO-TARANTO

Decisivo stamattina il tavolo alla Provincia di Taranto con la partecipazione del presidente Martino Tamburrano e dell’assessore alle Attività produttive del Comune Giovanni Guttagliere. L’ha sollecitato la Uila Uil insieme agli altri sindacati di categoria

“C’è la proroga al gruppo Caffo, i lavoratori della Borsci non perdono il posto”

L’assessore: “Al San Marzano siamo legati come alla cozza tarantina. Faremo di tutto perché la produzione resti a Taranto e si implementino le unità occupazionali”

Borsci, ancora un’altra proroga. Non perderanno il lavoro i dipendenti dell’industria di liquori sulla strada per Martina Franca.
La strenua battaglia condotta dalle organizzazioni sindacali di categoria, in testa a tutte la Uila Uil rappresentata da Antonio Trenta, ha scongiurato la fine delle attività nello storico stabilimento tarantino. Almeno per ora. Il gruppo Caffo, che da tre anni oramai gestisce la Borsci, ha infatti ottenuto un’altra proroga.
La decisione è stata presa stamattina al termine del vertice alla Provincia di Taranto. Al tavolo convocato di tutta lena venerdì sera dal responsabile del servizio Controversie collettive, Michele Coviello, oltre al segretario generale della Uila Uil e ad Ida Cardillo, componente della segreteria, c’erano anche il curatore fallimentare della Ilbi Spa, Antonio Pastore, i responsabili della Bsm Srl del gruppo Caffo 1915, l’amministratore della società Sebastiano Caffo ed il consulente del lavoro Rosario Gentile, il presidente della Provincia di Taranto, Martino Tamburrano, l’assessore alle Attività produttive del Comune di Taranto, Giovanni Guttagliere, ed i rappresentanti delle altre organizzazioni sindacali di categoria, Sante Bernalda della Flai Cgil ed Antonio La Fortuna della Fai Cisl.
“Siamo soddisfatti a metà – commenta Antonio Trenta – nel senso che se non ci fosse stata quest’ulteriore proroga, dopo il 22 ottobre, giorno di scadenza dell’ultima concessa al gruppo Caffo, le dieci unità occupazionali attualmente impegnate nella Borsci avrebbero perso il lavoro e l’azienda avrebbe dovuto interrompere le attività con il rischio di non riprenderle mai più. Non possiamo tuttavia nascondere che siamo un po’ delusi dal fatto che ancora non si prenda una decisione definitiva. Questo sta contribuendo non poco ad allungare il calvario dei lavoratori, i quali dovranno ancora attendere prima di conoscere il loro futuro occupazionale; e forse anche a scoraggiare l’azienda che sta gestendo l’industria con spirito fattivo e collaborativo, e con l’intenzione palesata di mantenere la produzione dello storico elisir tarantino sul territorio. Ma è chiaro che fino a quando l’assegnazione non sarà definitiva, ogni investimento aggiuntivo diventerà un rischio. E non sappiamo se il gruppo Caffo potrà continuare a permetterselo in tempi di crisi come questi. Per quanto, ai produttori del Vecchio Amaro del Capo si debba già la salvezza dell’azienda ionica. E questo, certo, per un territorio come il nostro, è già tanto”.
Intanto, è positiva l’attenzione da parte delle istituzioni, considerata la presenza di Comune e Provincia. Guttagliere e Tamburrano hanno incalzato la curatela fallimentare con lo stesso impeto dei sindacalisti affinché si individuasse nell’immediato una soluzione atta al prosieguo delle attività della Borsci.
E non solo perché il gruppo Caffo intende allargare l’organico in futuro se dovesse ottenere definitivamente la gestione dell’industria, ma anche perché il territorio non perderebbe un marchio d’identità storico.
“All’elisir Borsci-San Marzano – commenta l’assessore Guttagliere – siamo legati tanto quanto alla cozza tarantina. E’ un simbolo della nostra città. Perciò non possiamo e non vogliamo permetterci di lasciarlo andare via. Faremo quindi di tutto, attivandoci anche presso la Magistratura fallimentare, perché si concluda quanto prima possibile l’iter per l’assegnazione definitiva della Borsci”.
“E – conclude Trenta – delle due proposte che sono tuttora in sospeso, solo il gruppo Caffo ci ha garantito, ad oggi, in tutte le occasioni nelle quali ci siamo incontrati, che la produzione, in caso di assegnazione definitiva, resterà a Taranto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *