CONDOTTA SOTTOMARINA, MAXI RISARCIMENTO AL COMUNE

“Dopo tanti anni il giudice ha deciso: 23 milioni di euro al comune di Taranto da parte delle ditte che hanno realizzato la “condotta colabrodo” di Lido Bruno”. Ad affermarmarlo è il presidente del Fondo Antidiossina Fabio Matacchiera, che prosegue: “Ricordo che in ben 3 conferenze stampa, indette dal 2002 in poi, ho prodotto prove inoppugnabili sulla inadeguatezza dei lavori. Mi sono immerso – scrive Matacchiera – in prossimità della prima rottura a c.a 400 metri dalla costa dove fuoriusciva acqua non adeguatamente trattata per documentare e sono sceso anche fino alla parte terminale della condotta che arrivava a 75 metri di profondità. Inoltre, prelevai campioni di acqua in prossimità delle rotture per farle analizzare dal “Laboratorio dott. Calcatelli” di Taranto” e dimostrai che dalla rottura principale fuoriusciva acqua contaminata da colibatteri fecali e streptococchi in quantità preoccupante. Per quelle operazioni ringrazio il già ispettore capo di polizia Egidio Oroscopo e l’associazione Mondomare per l’assistenza durante le immersioni più profonde che ho effettuato.

Fabio Matacchiera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *