CORRUZIONE: IN MANETTE UN ALTRO UFFICIALE DI MARINA

Ancora importanti novita’ nell’inchiesta sugli appalti della Marina Militare che nei giorni scorsi ha portato all’arresto del direttore del Commissariato Marina e di un imprenditore. Stasera un altro arresto, si tratta di una donna ufficiale, Francesca Mola 31 anni, collaboratrice del Capitano arrestato giovedi scorso. Oggi il Giudice per le indagini preliminari, Valeria Ingenito, ha convalidato l’arresto eseguito dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Taranto nei confronti del CV Giovanni Di Guardo e dell’imprenditore Vincenzo Pastore (anche sindaco di Roccaforzata) ed ha disposto nei loro confronti la custodia cautelare richiesta dal PM Maurizio Carbone. Lo stesso pubblico ministero sulla base del quadro indiziario fornito dai militari della Guardia di Finanza, ha anche richiesto la custodia cautelare nei confronti della 31 enne Tenente di Vascello della Marina Militare, diretta collaboratrice del Capitano di Vascello Di Guardo, nonché responsabile dell’ufficio contratti della direzione di Commissariato di Taranto. La donna difesa dall’avvocato Stefano Taddei e’accusata dei reati di Concorso in corruzione aggravata e di turbata libertà degli incanti.
La donna ufficiale di Marina è stata rintracciata dai finanzieri nella serata fi sabato intorno alle 22 nella propria abitazione di Crispiano ed associata alla sezione femminile della casa corcondariale di Taranto, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *