COVID-19: DA LUNEDI’ ATTIVO IL SUPPORTO TELEFONICO PER COMPILARE IL FORM ONLINE #SEGNALACASO

È ormai chiaro a tutti quanto il tracciamento dei contatti sia indispensabile al fine di contenere il contagio da Coronavirus: individuare e porre in quarantena i contatti stretti dei casi positivi è, infatti, uno strumento essenziale per rallentare il dilagare della pandemia.

Per questa ragione, al lavoro ininterrotto degli operatori del Dipartimento di Prevenzione, si affianca la collaborazione di altre strutture e istituzioni per affrontare questa emergenza.

Dalla scorsa settimana, infatti, grazie a un protocollo di intesa formato tra ASL Taranto e l’Ordine degli Ingegneri di Taranto, è attivo il form online #segnalacaso, che permette ai soggetti risultati positivi al tampone, di inviare in autonomia i dati necessari all’analisi epidemiologica e al tracciamento dei contatti. Al videotutorial (aggiornato, disponibile a questo link https://youtu.be/TEDa1nP29zQ) realizzato per spiegare agli utenti le finalità del form e fornire le prime informazioni sulla compilazione, si affianca, a partire da lunedì 28 dicembre, il supporto telefonico da parte di operatori professionali appositamente formati.

Si tratta, infatti, delle risorse umane e professionali messe a disposizione da Teleperformance e Covisian, due aziende specializzate nei servizi di call center, che hanno voluto supportare gratuitamente la ASL Taranto mettendo a disposizione un team di operatori che potranno fornire ai cittadini le informazioni necessarie per la compilazione del form che permette di tracciare i contatti stretti dei casi positivi accertati.

Dal lunedì al venerdì (festivi esclusi), dalle ore 9:00 alle ore 18:00, chiamando i numeri 099-4490909 e 099-9915850, le persone individuate come casi positivi e invitate dal Dipartimento di Prevenzione a compilare il form #segnalacaso troveranno all’altro capo del telefono gli operatori dei Teleperformance e Covisian che, nel pieno rispetto della privacy delle persone chiamanti (il numero di telefono del chiamante non sarà visibile dagli operatori che rispondono al servizio), potranno fornire loro informazioni e chiarimenti e supportare gli utenti nella compilazione del form online.

“Il contributo di Teleperformance e Covisian è prezioso per tutti noi – afferma Michele Conversano, direttore del Dipartimento di Prevenzione della ASL Taranto – Aiuta il lavoro del dipartimento ma, soprattutto, offre un servizio fondamentale per l’intera comunità. Li ringraziamo per aver, in pochi giorni, organizzato tutto il necessario, sia in termini di infrastrutture tecniche sia di formazione del personale, per offrire un supporto attivo alla compilazione del form per il tracciamento dei contatti.” Il protocollo firmato tra la ASL e le due società prevede che il servizio resti attivo fino al 31 gennaio; non si esclude, in caso di necessità, un prolungamento del servizio e anche un eventuale ampliamento del numero degli operatori coinvolti.

“Mai come in questo momento bisogna tendere la mano a chi è in difficoltà, bisogna fare squadra per il bene e la tutela sanitaria delle comunità. – continua Gianluca Bilancioni, direttore delle Risorse Umane di Teleperformance Italia – Nel nostro DNA abbiamo valori di solidarietà immensi ed è per questo che non abbiamo esitato un secondo nel rispondere alla richiesta di collaborazione del Dipartimento di Prevenzione della ASL di Taranto. Oggi scriviamo insieme una pagina importante della nostra storia, esempio di come per fini nobili sia possibile collaborare tra soggetti differenti per costruire speranze. È la nostra Sfida del Cuore”.

“Anche il nostro Gruppo è da sempre sensibile alle esigenze e richieste di aiuto da parte delle Istituzioni mettendo le sue competenze al servizio dei cittadini – afferma Carlo Rosini, Vice Direttore Generale di Covisian Italia – e in questa situazione, molto complicata per il Paese e per tutti noi, Covisian ha voluto essere al fianco del Dipartimento di Prevenzione della ASL di Taranto per supportare una comunità che richiede forte attenzione e solidarietà, ancor di più in una condizione di emergenza sanitaria ed economica. Siamo convinti che questo possa rappresentare un primo piccolo passo per l’evoluzione verso un nuovo modello di assistenza ai cittadini di Taranto e di tutta la Regione Puglia.”

Come funziona il form #segnalacaso

Al momento della notifica di positività al Coronavirus, i soggetti interessati e residenti nell’area jonica sono invitati a compilare il form disponibile sul sito dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Taranto (https://www.ordingtaranto.it/asl-taranto-segnala-caso/). Entro 48 ore dalla notifica, i positivi al Coronavirus possono così inviare al Dipartimento di Prevenzione della Asl tutte le informazioni necessarie.

La prima sezione del form è dedicata ai dati e alla storia sanitaria personale, mentre nella seconda parte si devono circostanziare spostamenti e contatti privati e sociali delle 48 ore precedenti al tampone per gli asintomatici. I soggetti positivi sintomatici, invece, devono ricostruire i loro movimenti partendo dalle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi. Si devono indicare i contatti stretti conviventi, ovvero le persone che vivono nella stessa casa dove la persona positiva rispetterà l’isolamento. Queste persone saranno immediatamente poste in quarantena, in attesa del tampone che sarà effettuato dopo 14 giorni.

Occorre indicare anche i contatti stretti non conviventi, ovvero quelle persone che, senza indossare i dispositivi di protezione (mascherina, guanti, ecc), hanno avuto un contatto fisico diretto (ad esempio, stretta di mano) o sono state a meno di 2 metri di distanza per almeno 15 minuti dal caso di COVID-19 nei due giorni precedenti la comparsa dei sintomi o all’esecuzione del tampone positivo nell’asintomatico. Anche queste persone vengono poste in quarantena.

Al termine della compilazione del form, cliccando su “Invia segnalazione”, nel pieno rispetto della privacy, i dati raccolti sono immediatamente inviati al Dipartimento di Prevenzione della Asl Taranto. L’invio avviene attraverso l’uso di tecniche crittografiche per garantire la sicurezza della trasmissione e senza che la stessa venga memorizzata: sul sito e sui server non rimane alcuna traccia dei dati inseriti dagli utenti e i dati raccolti sono visibili esclusivamente al personale sanitario autorizzato della ASL. Per l’utente, è possibile, flaggando l’apposito riquadro, ricevere copia della segnalazione effettuata sulla propria casella di posta elettronica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *