D’ATTIS (FI): “INAMMISSIBILE IL DECLASSAMENTO DELLA MEDICINA D’URGENZA A GROTTAGLIE E A SAN PIETRO V.CO. IL PD FACCIA ‘MEA CULPA’”

“La sanità pugliese subisce le conseguenze di una politica dissennata, attenta solo a far quadrare i bilanci (e nemmeno ci riesce), ma totalmente distante dai reali bisogni dei cittadini. L’ultimo episodio eclatante riguarda l’ospedale San Marco di Grottaglie, dove dapprima è stato chiuso il Pronto Soccorso (nonostante i 13.000 interventi d’urgenza del 2017) e adesso si vuole ridimensionare anche il Punto di primo intervento, trasformandolo in una Postazione medicalizzata del 118”.

Lo afferma il parlamentare di Forza Italia Mauro D’Attis, il quale pone in risalto anche l’incoerenza di un Partito Democratico che oggi protesta a Grottaglie (apprezzabile l’iniziativa degli incolpevoli dirigenti locali), ma che è il principale artefice del disastro della sanità pubblica in Puglia.

“Mi sono già attivato, sostenendo il Presidente del gruppo regionale di Forza Italia Nino Marmo, – ha aggiunto D’Attis – affinché il provvedimento con cui è stata stabilita l’ulteriore penalizzazione della medicina d’urgenza venga modificato, restituendo dignità ed efficienza ad ospedali come quello di Grottaglie e, ad esempio, di San Pietro Vernotico nel brindisino.

Il tutto, in attesa di poter determinare scelte più razionali nella gestione della sanità pubblica di questo Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *