DIPENDENTI AMAT NEI SEGGI, RISCHIO RIDUZIONE SERVIZI BUS

L’elevato numero di dipendenti dell’Amat, specialmente conducenti, che sabato 3, domenica 4 e lunedì 5 marzo 2018, sarà impegnato nei seggi elettorali in qualità di presidenti, segretari, scrutatori o rappresentanti di lista e di candidati, comporterà possibili riduzioni dei servizi di trasporto pubblico. Tali riduzioni potranno verificarsi anche martedì 6 marzo dovendo, in tale giornata, far recuperare al personale il riposo periodico (domenica) non goduto.

Al momento l’azienda ha ricevuto oltre 50 comunicazioni di addetti che saranno assenti per gli impegni collegati alle elezioni ed altre potranno giungerne fino all’apertura dei seggi.
Amat ha informato della situazione la prefettura e il sindaco e, sul piano interno, ha sospeso la concessione di ferie al personale di guida per il periodo 3-6 Marzo 2018. Inoltre, in caso di particolari criticità, potrebbero esserci soppressioni parziali di alcune corse delle linee a bassa frequentazione (linee 5 – 6 – 9 – 13 – 18). Ciò al fine di garantire i collegamenti con Lama, Talsano, San Vito, Paolo VI e Lido Azzurro. L’impegno dell’azienda è di contenere al massimo i possibili disagi per la cittadinanza che utilizza il mezzo pubblico per i propri spostamenti.

Il problema, in ogni caso, è di carattere nazionale. Gli ultimi dati indicano che le percentuali di assenza connesse all’impegno negli uffici elettorali superano il 15 per cento, a cui va aggiunto il normale assenteismo fisiologico per malattie, permessi parentali, Legge 104, eccetera.
Di fronte a questa periodica situazione l’associazione nazionale di categoria (Asstra) ha da tempo richiesto al ministro degli Interni l’adozione di un provvedimento che escluda il personale dipendente da aziende di trasporto pubblico dalle funzioni di presidente, scrutatore, segretario di seggio e rappresentante di lista o del candidato, in analogia a quanto prescritto dal Dpr 30/03/1957, n° 361, che esclude da questi benefici i dipendenti del ministero dei Trasporti ed i dipendenti delle ex Ferrovie dello Stato (ora Trenitalia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *