EMERGENZA FIUME LATO, VERTICE IN PREFETTURA CON IL MINISTRO (FOTO)

(ANSA) – Rispetto allo stesso periodo dello
scorso anno c’è stato un calo produttivo del 18% soprattutto a
causa del fermo dell’Altoforno 5 previsto dalle prescrizioni
Aia, ma nel trimestre agosto-novembre si registra un incremento
del livello di produzione del 31% rispetto ai quattro mesi
precedenti. Ciò grazie alla ripartenza nei primi giorni del mese
di agosto, a seguito del completamento degli adeguamenti
ambientali, dell’Altoforno 1 fermato nel dicembre del 2012 che,
insieme al mantenimento della continuità produttiva
dell’Altoforno 2, ha consentito una marcia a 3 altiforni per il
periodo in oggetto. E’ quanto emerge dalla relazione trimestrale
dei commissari straordinari dell’Ilva, relativa al periodo 1
agosto 2015-30 novembre 2015, pubblicata sul sito dell’azienda. 
I lavori di risanamento ambientale realizzati fino al periodo
indicato hanno comportato una spesa pari a 865.602 euro (per il
Piano Ambientale 847.062 euro e per il Piano Rifiuti 18.540
euro). In relazione al contratto di finanziamento di 400 milioni
di euro stipulato il 28 maggio 2015 con Cassa Depositi e
prestiti, Intesa Sanpaolo spa e Banco Popolare Società
Cooperativa e assistito da garanzia dello Stato, i commissari
segnalano che “nel periodo di riferimento Ilva spa in
amministrazione straordinaria ha richiesto e ottenuto in data 9
ottobre 2015 l’erogazione della seconda tranche da 100 milioni
di euro. Nel mese di ottobre 2015, inoltre, sono stati stipulati
con 2 controparti finanziarie di primario standing contratti per
linee di factoring aggiuntive fino ad un ammontare massimo di
165 milioni di euro”.(ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *