FERRAGOSTO SICURO, LITORANEA PRESIDIATA DAI CARABINIERI

Giro di vite dei Carabinieri del Comando Provinciale di Taranto che ha disposto controlli straordinari sulla circolazione stradale in particolare lungo le coste occidentali ed orientali della provincia jonica. Tale attività, con l’impiego di uomini in servizio presso le 5 Compagnie Carabinieri dipendenti, viene espletata attraverso un’incisiva e costante azione preventiva e repressiva, volta ad incentivare il rispetto delle norme che regolano la circolazione stradale. I controlli, mirati soprattutto a sanzionare la guida indisciplinata di automobilisti, ed in questo particolare periodo dell’anno anche di motociclisti, hanno lo scopo di accertare il corretto uso del casco protettivo, la regolare revisione, la copertura assicurativa e soprattutto scongiurare la guida sotto l’influenza di alcol e droghe, principali cause di incidenti stradali in cui vengono coinvolti soprattutto giovani conducenti. L’obiettivo è garantire a residenti e vacanzieri un’estate sicura attraverso servizi espletati soprattutto nelle località ricadenti lungo la fascia costiera, luogo di maggior concentrazione di turisti, di giovani e di numerosi locali di intrattenimento, dove si riversa la movida soprattutto durante le ore notturne. Il modello operativo di controllo straordinario posto in atto sulla litoranea, che ha visto l’impiego anche di pattuglie di motociclisti e della Stazione Mobile, ha permesso di denunciare in stato di libertà 5 persone per diverse tipologie di reato tra cui: guida di veicoli sotto l’influenza dell’alcool e di sostanze stupefacenti; 40 sono state le contravvenzioni al Codice della Strada elevate, per lo più connesse al mancato uso del casco, alla mancanza di copertura assicurativa ed a casi di guida pericolosa, con sanzioni per complessivi € 9000,00 ed il contestuale decurtamento di 120 punti sulle patenti degli indisciplinati. Nel medesimo contesto, sono stati segnalati 5 soggetti all’Autorità amministrativa quali assuntori di sostanze stupefacenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *