FURTO IN UN’ABITAZIONE, ARRESTATO IL VICINO INSOSPETTABILE

I Carabinieri hanno arrestato con l’accusa di furto in abitazione un amico e vicino di casa di una 86enne.

Con l’accusa di furto in abitazione, aggravato e continuato, un 54enne del posto, incensurato e’ finito nei guai.

Nel mese di giugno scorso una 86enne aveva denunciato presso la Stazione Carabinieri di Maruggio il furto, avvenuto all’interno della propria abitazione, della somma in contante di € 80 nonché l’ammanco di 1.400 euro dal proprio libretto postale. Le indagini eseguite dall’Arma di Maruggio consentivano di accertare che la somma mancante dal libretto postale risultava essere stata prelevata in più circostanze da postazioni ATM mediante l’utilizzo della carta postamat intestata all’anziana donna che ne aveva avuto sempre la materiale disponibilità.

Durante il sopralluogo i Carabinieri apprendevano dalla vittima, da tempo sola essendo rimasta vedova, che il denaro asportato, il postamat ed il relativo pin erano custoditi all’interno del comò della camera da letto.

Nei mesi a seguire la donna denunciava ai militari altri furti di danaro che avvenivano sempre con lo stesso modus operandi. Complessivamente, la somma rubata ammontava a più di 2.000 euro.

Nel corso delle indagini, i Carabinieri concentravano la loro attenzione nei confronti del 54enne, vicino di casa e amico di famiglia dell’anziana. Pertanto, dopo aver fotocopiato alcune banconote, davano indicazioni alla donna affinché le custodisse nel solito mobile, in attesa che l’uomo se ne appropriasse. Puntualmente, infatti, nel primo pomeriggio di ieri l’86enne si allontanava da casa e, al suo ritorno, accortesi di aver subito l’ennesimo furto, allertava telefonicamente i Carabinieri. I militari immediatamente si ponevano alla ricerca dell’uomo che veniva rintracciato mentre stava per spendere la somma di danaro appena rubata.

Il 54enne, al termine delle formalità di rito, veniva arrestato e, su disposizione dell’A.G., sottoposto agli arresti domiciliari, mentre il denaro recuperato veniva restituito alla vittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *