GINOSA E MARINA DI GINOSA, AVVIATI I CANTIERI DEL REDDITO DI CITTADINANZA

Sono ufficialmente partiti oggi 5 agosto i PUC (Progetti Utili alla Collettività) nell’ambito del Reddito di Cittadinanza. “Spiagge in circolo – Promozione del Territorio’’ e “Giardini e piazze da adottare – Riqualificazione Urbana e Cura del Bene Comune’’ sono due dei sei progetti ideati da Comune di Ginosa e dall’equipe di Contrasto alla Povertà PON Inclusione appena avviati e che vedranno coinvolti sin da oggi 15 beneficiari del Reddito di Cittadinanza sia a Ginosa che a Marina di Ginosa. A loro, si uniranno 10 percettori di RED (Reddito di Dignità Regionale). Il totale delle ore previste per i progetti PUC va dalle 8 alle 16 ore settimanali in base alla presa in carico del beneficiario.
Le attività comprendono pulizia del centro storico e della gravina, vigilanza, divulgazione di iniziative estive, recupero delle aree verdi degradate, pitturazione muretti, ripristino piante, aiuole, piazze e zone di aggregazione.
“Quanto avviato è motivo di orgoglio e grande soddisfazione. Siamo entrati nella fase più concreta della misura di contrasto alla povertà ideata dal Movimento 5 Stelle, che vede il coinvolgimento diretto dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza – hanno dichiarato il Sindaco Vito Parisi e l’Assessore alle Politiche Sociali Romana Lippolis – Ginosa è tra i primi Comuni in Italia ad aver varato i PUC e ad averli avviati.
L’emergenza sanitaria ha purtroppo rallentato i processi di un iter avviato a inizio anno e che ora trova ulteriore concretezza. L’ideazione di progetti mirati in base alle esigenze del territorio e della comunità, i colloqui con i fruitori di RdC per individuare le mansioni idonee in base alle loro competenze pregresse e ambizioni, l’attivazione delle assicurazioni, le visite mediche, il corso di formazione sulla sicurezza, la fornitura e assegnazione dei dispositivi di protezione individuale: questi sono stati gli step che hanno portato all’avvio dei Progetti Utili alla Collettività.
Il percorso di inserimento dei beneficiari è stato supervisionato dall’equipe di Contrasto alla Povertà composta da Coordinatore dei Patti di Inclusione Sociale, Responsabile PUC e Case Manager.
I PUC pongono al centro di tutto proprio i beneficiari del Reddito di Cittadinanza, autentiche risorse per la comunità, in grado di svolgere lavori che contribuiscano al miglioramento e alla corretta gestione del bene pubblico. Tali impieghi potranno, inoltre, stimolare nei beneficiari un senso di appartenenza alla comunità sempre maggiore, senza sentirsi inutili o, peggio ancora, distanti dal mondo lavorativo. Una sorta di scambio tra Stato e beneficiario di RdC, che offre la sua disponibilità in un progetto di prossimità futura.
I restanti quattro progetti prenderanno il via prossimamente e, come già anticipato, è prevista una rotazione tra tutti i beneficiari della misura di contrasto alla povertà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *