Home Sport TARANTO, GIORDANO: ‘A MARCIANISE SAREMO 11 IENE IN CAMPO’

TARANTO, GIORDANO: ‘A MARCIANISE SAREMO 11 IENE IN CAMPO’

TARANTO, GIORDANO: ‘A MARCIANISE SAREMO 11 IENE IN CAMPO’
0

A Nardò ha dimostrato le sue qualità e, nonostante le poche presenze, Daniele Giordano è un portiere sanguigno ma silenzioso. L’estremo difensore ospite di 100 sport Magazine, racconta la sua annata in rossoblù e la voglia di riscatto dopo il ko col Serpentara.

“Domenica è stata una botta pesante ma l’abbiamo accantonata e pensiamo solo alle gare che ci aspettano. Tutto è aperto, dobbiamo cercare di star uniti e crederci sempre. Il confronto con i tifosi? È giusto che ci siamo, da apprezzare l’applauso a fine gara. Cercheremo di dare quel di più per portare a casa i 3 successi consecutivi. Non è stata una brutta gara ma buona, le occasioni da gol le abbiamo viste. Ci sono state alcune decisioni arbitrali, il rigore ci può stare. Sono state altre situazioni che hanno creato un po’ di nervosismo. Anche sotto col Potenza eravamo sotto di 2 gol siamo riusciti a rimontare. La voglia di lottare fino alla fine c’è stata da parte di tutti, anche da parte della società non molliamo ora. La società dopo la conferenza stampa del presidente, ci ha detto di dare il massimo e rimanere tranquilli. La commozione fa capire come vuole arrivare in alto e ce lo trasmettono ogni giorno. Chi andrà in campo a Marcianise sa come affrontare la gara, questa settimana già da lunedì abbiamo voltato pagina e siamo super concentrati per domenica. Facciamo questa settimana nel miglior modo possibile. Quest’anno a Taranto, nonostante le poche presenze ma ero consapevole, l’ho vissuta serenamente e seriamente. Mi alleno a 1000 tutti i giorni, dando carica a una squadra. In caso di Lega Pro la conferma? Vediamo di arrivarci. Marcianise?Troveremo una squadra rognosa e cattiva su ogni pallone. Dobbiamo affrontare la settimana al massimo della concentrazione e chiudere la gara quanto prima possibile. Scenderemo in campo come 11 iene? Sicuramente sarà così. Dopo che mi sono salvato con l’Ischia ho ricevuto a settembre la chiamate del Taranto. Ho deciso di continuare perché faccio parte di una società seria, solida, che mi ha dato serenità cosa che altrove non ho trovato. Taranto come città è simile a Napoli, i tarantini sono schietti e sono contento di questa caratteristica”.

Privacy Preference Center

      Necessary

      Advertising

      Analytics

      Other