GOVERNO NEGA 50 MILIONI ALLA SANITÀ TARANTINA, IL PD INSORGE

I parlamentari del PD alzano il tono della discussione politica in merito alla bocciatura dell’emendamento che prevedeva il trasferimento di 50 milioni di euro per l’emergenza sanitaria ionica. Con un documento a piu’ firme viene chiamata in causa la Presidenza del Consiglio affinché il tema sia affrontato in Senato.
“Noi deputati pugliesi – recita testualmente il documento – del PD con l’emendamento presentato in Legge di Bilancio abbiamo segnalato la necessità di assumere l’Emergenza Sanitaria di Taranto al fine di contrastare le criticità sanitarie fin ad ora riscontrate in base alle evidenze epidemiologiche nel territorio della provincia di Taranto per assicurarne la continuità nell’erogazione dei servizi sanitari.
L’impegno del Governo per Taranto fino a questo momento è stato titanico in tutte le direzioni e di questo ne siamo orgogliosi.
Ora, il recente e mancato emendamento del relatore in Commissione Bilancio relativo a quanto suddetto non corrisponde alle aspettative della Comunità jonica, alla quale in diverse circostanze diversi rappresentanti del nostro Governo avevano dato rassicurazione.
A questo punto sarebbe utile che possa essere annunciato in queste ore che il tema sarà affrontato al Senato passando per un approfondimento nel Tavolo per Taranto convocato dal sottosegretario De Vincenti per il 12 dicembre.
Il documento è stato firmato dai parlamentari Vico, Pelillo, Ginefra, Capone, Grassi, Mariano, Bordo, Ventricelli, Mongello,Cassano, Losacco, Massa.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *