GRAVE INCIDENTE A BORDO, TRANCIATE DITA DIPORTISTA

La bella giornata di sole, con le condizioni ottimali per un’uscita in mare con la propria unità da diporto, si è trasformata in una giornata da incubo per un sessantaquattrenne tarantino che ha subito un grave infortunio alla mano mentre si trovava a bordo del proprio natante in Mar Grande, nella zona di mare compresa tra l’isola di San Pietro e la scogliera antistante.
La sala operativa della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Taranto nel primo pomeriggio di sabato 10 dicembre u.s. riceveva via telefono tramite 1530 una chiamata di soccorso direttamente da parte di un diportista il quale riferiva di essersi tranciato le dita di una mano durante le operazioni di recupero dell’ancora del proprio natante. Immediato è stato l’invio della Motovedetta CP 2103 che in pochi minuti raggiungeva l’infortunato, che per tutto il tempo veniva mantenuto in contatto telefonico con il personale della sala operativa, al fine di mantenerlo vigile nonostante la grave perdita di sangue.
Contestualmente la sala operativa allertava il personale del 118 dando precise indicazioni sulla tipologia dell’infortunio, chiedendo l’immediato invio presso la calata 1 del porto di Taranto di una autoambulanza.
Appena raggiunto il natante, il personale militare della MV CP2103 prestava i primi soccorsi e trasbordava il diportista sul proprio mezzo per raggiungere velocemente il porto di Taranto, nel tentativo, una volta giunti in porto e consegnato il malcapitato al personale sanitario del 118 di effettuare il recupero delle parti tranciate della mano al fine di un eventuale reimpianto.
Il natante del diportista veniva invece condotto in porto da un membro dell’equipaggio della motovedetta soccorritrice.
Giunti nel porto di Taranto, il personale medico del 118 prestava i primi soccorsi all’infortunato e provvedeva al recupero delle parti tranciate della mano, effettuando il trasferimento dell’infortunato in evidente stato di shock presso il locale nosocomio.
Le dinamiche dello sfortunato evento non sono ancora chiare e saranno oggetto di appositi accertamenti a cura di questa Autorità marittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *