GSE GROTTAGLIE, MAZZARANO: “FIRMATO ACCORDO: SALVI 225 LAVORATORI”

Firmato con la Task force regionale per l’occupazione l’accordo per la cessione di Gse dalla curatela ai compratori che si sono aggiudicati l’asta.
Due i punti principali dell’accordo: la piena salvaguarda dei livelli occupazionali che riguarda 225 lavoratori; l’intesa per consolidare la presenza industriale pugliese nell’ambito del distretto aerospaziale.
“Sono felice che investitori anglo-americani abbiano puntato sul distretto pugliese dell’Aerospazio, ed in particolare sullo stabilimento di Grottaglie – ha dichiarato l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Michele Mazzarano – una scelta che premia le politiche di sviluppo che la Regione Puglia ha messo in campo negli ultimi anni sul distretto dell’Aerospazio”.
“Un particolare apprezzamento va rivolto al lavoro della Task Force per l’occupazione, ed in particolare a Leo Caroli – ha aggiunto l’assessore – che insieme con l’assessorato allo Sviluppo Economico, ha lavorato per diversi mesi con i rappresentanti del fondo di investimenti che ha rilevato la Gse, per giungere alla risoluzione positiva della vertenza ed alla piena rioccupazione dei lavoratori”.
“Vigileremo affinchè l’accordo venga rispettato pienamente dalla nuova proprietà e soprattutto su consistenza e sostenibilità degli investimenti per innovazione e diversificazione produttiva. La Regione Puglia è pronta a sostenere ogni investimento – ha concluso l’assessore Mazzarano – purchè sia indirizzato verso la diversificazione produttiva per uscire dalla dipendenza della monocommittenza di Leonardo e Boing, e per implementare l’occupazione”.
Soddisfazione per la risoluzione della vicenda è stata espressa anche dall’Assessore alla Formazione Professionale, Sebastiano Leo.
“Sono particolarmente contento che tra le misure messe in campo dalla Regione Puglia siano state determinanti quelle sul sostegno alla formazione sui posti di lavoro – ha dichiarato Leo – e sulla riqualificazione dei lavoratori su iniziativa di adesione individuale al bando regionale. Il successo di queste misure – ha concluso Leo – ci convince a proseguire sul percorso di nuove politiche attive del lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *