ILVA, BENTIVOGLI (FIM CISL): “TORNA IL BUONSENSO, ORA RIPARTIRE COL NEGOZIATO”

“Finalmente sembra prevalere il buonsenso in una vicenda che ne ha bisogno supplementare come quella ILVA. E’ quanto dichiara il Segretario Generale FIM Cisl Marco Bentivogli.
“Ritengo molto positiva la disponibilità di Regione Puglia e Comune di Taranto a ritirare il ricorso al Tar, dopo la visita del Ministro Calenda a Taranto e l’appello di Monsignor Santoro.
E’ ora importante, secondo il segretario dei metalmeccanici della CISL, che ripartano immediatamente i tavoli istituzionale con all’ordine del giorno del Tavolo per Taranto ci sarà anche la valutazione del danno sanitario, oltre all’analisi del Dpcm, e dei suoi eventuali miglioramenti e il cronoprogramma per la copertura dei parchi minerali. E al contempo riprenda il confronto sindacale (che avevano in oggetto i confronti di sito)
Utile la notizia dello sviluppo del fondo sociale per Taranto, prosegue Bentivogli, che prevede 30 milioni di euro a sostegno in particolare dei giovani; del Centro di ricerca che Mittal vuole sviluppare in loco, investendo per farlo diventare centro di eccellenza anche per le tecnologie di carbon free; del miliardo e 80 milioni di euro di bonifiche che l’amministrazione straordinaria impiegherà, oltre al miliardo e duecento che investirà Mittal sulla parte ambientale e dei provvedimenti a favore dell’indotto.
Abbiamo la possibilità di realizzare il più grande progetto di ambientalizzazione e rilancio industriale mai avvenuto in Europa, conclude il sindacalista della CISL, ci possiamo riuscire se tutti puntiamo verso la stessa direzione. Il tempo che passa non è dalla nostra parte, per questo serve il massimo della cooperazione tra coloro che vogliono un Ilva bonificata, rilanciata e senza licenziamenti.”
Foto Fim Cisl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *