ILVA, NUOVA PROPOSTA DEL GOVERNO PER RITIRO RICORSI, LA RISPOSTA DEL SINDACO MELUCCI

Se Regione Pugkia e Comune di Taranto rinunceranno ai ricorsi, gli interventi ambientali saranno completati entro il 2023. Queste le promesse dei Ministri Calenda e De Vincenti nello schema di protocollo d’intesa sull’Ilva. Non si e’ fatta attendere la replica del sindaco Melucci il quale annuncia una controproposta. Ecco le dichiarazioni del primo cittadino: “Lo zelo del Governo nel proporre un proprio schema di accordo è un fatto senz’altro apprezzabile. Afferma Melucci che poi prosegue

“Come noto anche il Comune di Taranto sta elaborando con consulenti legali e tecnici la propria proposta, nell’interesse collettivo sforzandosi di fare sintesi con le posizioni della Regione Puglia. Non si intende modificare questa road map.

Inoltre, il Comune aveva rivendicato uno strumento più efficace come l’accordo di programma, strumento di rilevanza amministrativa peraltro accolto dal Ministro Calenda, per il tramite di dichiarazioni rilasciate a mezzo stampa all’indomani dell’ultimo tavolo istituzionale, mentre ci giunge oggi inaspettatamente una bozza nella forma di un generico protocollo di intesa, che riteniamo non conservi analoga efficacia.

Ad ogni modo, prosegue Melucci, avremo ora cura di valutare le due ipotesi sul tavolo e trasmetteremo entro il prossimo fine settimana la nostra controproposta consolidata al Governo.

E’ evidente che la nostra verifica sarà centrata sulle soluzioni individuate per l’ordine del giorno del tavolo istituzionale e sulle responsabilità della gestione commissariale e della parte acquirente; ma se la nostra comunità – conclude il sindaco – dovesse ricevere l’intera, ribadiamo intera, auspicata soddisfazione, non sussisterebbero nuovi motivi ostativi alla conclusione della trattativa.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *