IMPORTANTE RICONOSCIMENTO PER IL MUSEO DELLE CERAMICHE

Il Museo della Ceramica di Grottaglie ottiene la certificazione di qualità Her
Il Museo della Ceramica di Grottaglie ottiene la certificazione di qualità Herity

Al MArTA la consegna degli attestati di riconoscimento

Il Museo della Ceramica di Grottaglie ha ottenuto la certificazione “Herity”. Rilasciata dall’omonima organizzazione internazionale è un prestigioso riconoscimento che garantisce la qualità nella conservazione e gestione del patrimonio culturale. Un percorso di accreditamento portato avanti, da luglio 2017, dall’assessore al turismo e marketing territoriale, Mario Bonfrate in collaborazione con il gestore dei servizi d’informazioni e di accoglienza turistica della città, Sistema Museo.

La certificazione Herity fornisce al pubblico un’informazione che permette di decidere di visitare o meno un bene culturale. A differenza delle strutture ricettive per i beni culturali non vengono fornite informazioni sulla qualità del servizio che il visitatore troverà all’interno di un sito.

All’entrata di ogni museo, monumento, sito all’aperto, biblioteca, archivio, pubblico o privato aperto al pubblico, si trova il simbolo “Herity”; un bersaglio che indica chiaramente al visitatore il livello raggiunto, secondo una classifica composta da cinque livelli e che risponde, in totale, a quattro criteri: rilevanza, conservazione, comunicazione e servizi.

La Cerimonia di consegna dei certificati internazionali “Herity” si è tenuta ieri pomeriggio all’interno del Museo Archeologico Nazionale di Taranto – MarTA alla presenza della direttrice del museo, Eva Degl’Innocenti, del segretario Generale di HERITY International, Maurizio Quagliuolo e di Gaia Marnetto, coordinatrice di HERITY Italia. Le attestazioni sono state consegnate ai Comuni di Grottaglie, Taranto, Crispiano, Ginosa, Mottola, Palagianello e al Lions Club Massafra-Mottola “Le Cripte”.

Una grande opportunità per la promozione del turismo e dei nostri siti culturali. La certificazione non è un punto di arrivo ma uno strumento che ci permetterà di migliorarci, secondo dei criteri qualitativi internazionali, per valorizzare e conservare al meglio il nostro patrimonio culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *