INCIDENTE ENI, LA PROCURA APRE INCHIESTA

La procura di Taranto ha aperto una inchiesta per chiarire la cause dell’incidente sul lavoro avvenuto la scorsa notte all’interno della raffineria Eni di Taranto, lo riporta l’ANSA, a seguito del quale sono rimasti feriti due operai. E’ in gravissime condizioni Giampiero Gioia, 32 anni, di Brindisi, ricoverato nella sala rianimazione dell’ospedale ‘Santissima Annunziata’ di Taranto per lo schiacciamento della cassa toracica e del fegato. Un altro operaio, un 31enne originario di Siracusa, ha riportato invece ferite leggere ed è stato dimesso.
Durante lavori di manutenzione si è spezzato il gancio di una gru al quale era ancorata una grossa parte meccanica che ha colpito al petto Gioia, dipendente della ditta d’appalto Seval.
I funzionari dello Spesal hanno effettuato un sopralluogo nell’area dell’incidente e ascoltato i testimoni. Il macchinario, a quanto si è appreso, è stato posto sotto sequestro per consentire gli ulteriori accertamenti. Anche l’Eni ha avviato una indagine interna per fare luce sull’accaduto e poi relazionare ai sindacati. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *