L’ ASSESSORE VIGGIANO TORNA SUL TEMA “VACCINI”

“Leggo ancora tanto tanto caos creato dall’attuale Governo sull’obbligo vaccinale.” Cosi l’assessore comunale di Taranto Francesca Viggiano, che sul trma vaccini prosegue.

“Questi “procurati allarmi” continuano ad occupare e preoccupare le amministrazioni comunali che, opportunamente e responsabilmente, cercano di fare chiarezza.

Voglio dunque tornare sull’argomento e mi impegno a ripetermi anche tutti i giorni se continuerò a leggere bufale.

La questione vaccini sì/no/forse avanzata da questo governo non ha alcun fondamento logico e giuridico. Il c.d. decreto milleproroghe nulla ha modificato rispetto alla vigente normativa. Né, la circolare della ministra della salute Grillo, avrebbe potuto entrare in contrasto con la legge vigente, non essendo ricompresa nella gerarchia delle fonti normative, neppure secondarie.

Lo ripeterò fino alla nausea: in materia sanitaria la politica deve fare un passo indietro e dare la parola alla scienza.

Uno non vale uno, cari ministri 5 stelle. È deleterio, oltre che pericolosissimo, mettere sullo stesso piano esperti e ignoranti in materia solo perché anche i secondi in democrazia hanno diritto di dire la loro su qualunque argomento.

Ripeto, allo stato attuale non vi è alcuna preoccupazione per il Comune di Taranto perché la normativa vigente prevede l’obbligo vaccinale.

Mi spiace per questi ministri, ma chi governa è obbligato a decidere e a parlare chiaro. Mi auguro che anche i parlamentari tarantini escano dal web e si esprimano chiaramente sui vaccini così che anche il loro elettorato comprenda la linea.

A parte fuggire dalle commissioni parlamentari più delicate cosa hanno da dire? Possono aiutarci a informare e rassicurare genitori, professori e studenti? Possiamo dire con un’unica voce che sui vaccini si fa quello che dice la legge e l’istituto Superiore della Sanità che ha sentenziato che i vaccini sono un obbligo?

Almeno sulla salute il Governo si sforzi di essere serio.

Francesca Viggiano
Assessore alla salute e all’ambiente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *