L’ ASSESSORE VIGGIANO TORNA SUL TEMA “VACCINI”

Dopo alcuni giorni di pausa per poter ricaricare appieno le batterie, fisiche e mentali, il Martina Allievi Nazionali ha ripreso la preparazione in vista delle Final Eight di Cesena. Nel corso della prossima settimana verrà emanato il calendario anche se le squadre che dovrà affrontare la formazione biancazzurra sono già note e saranno Albinoleffe, Robur Siena e Spal.  La squadra si è ritrovata nel quartier generale di Maruggio per completare la preparazione in attesa dei match in programma nei pomeriggi di sabato 11, domenica 12 e  martedì 14.

C’è tanta attesa in tutti i ragazzi a partire da chi ha vissuto la chiamata dell’Italia. uno di questi è Valerio Cardamone che adesso può coronare il sogno di provare a raggiungere lo scudetto. “Per chi è stato in Nazionale permette di vivere la tensione in maniera differente, più tenue. Però dal 15 agosto noi col team abbiamo lavorato per crearci questa possibilità. La Nazionale ha aiutato nell’esperienza. Il gruppo è molto concentrato, siamo sempre più uniti, abbiamo creato una sintonia sin dalla prima giornata che poche squadre hanno. Stiamo lavorando su rapidità, intensità e forza. Non vogliamo farci scappare questa possibilità perché arrivando fino a Cesena abbiamo il diritto di sognare lo Scudetto. Il gruppo, inoltre, è sempre più unito, abbiamo messo da parte tutte le rivalità remando tutti dalla stessa parte. Il girone di Final Eight? È un punto di partenza, ma vogliamo provare ad arrivare in fondo. Inoltre un in bocca a lupo e Sapio per il nuovo ruolo. Perché a noi 25 ragazzi ci ha dato le giuste motivazioni, trattandoci come dei figli. Se siamo arrivati a Cesena il merito è nostro, ma non possiamo dimenticare tutto lo staff nessuno escluso. Paradisi, Marras, Settembrini, Raho, i collaboratori tutti. È un successo che va condiviso, perché se il Martina sta vivendo queste emozioni il merito è di un gruppo e uno staff meraviglioso. Sappiamo anche di una sorta di responsabilità che abbiamo: siamo l’unica squadra del Sud Italia e porteremo in alto la nostra Puglia , consapevoli che possiamo sognare e vogliamo farlo fino alla fine”.

Restando in difesa c’è un Gianmarco Minichini, portiere martinese, che vuol continuare a tenere bassa la saracinesca, così come suggerito dal suo preparatore, Mariano Scialpi. “Abbiamo ripreso la preparazione al massimo con tanta carica e voglia di fare bene, dopo qualche giorno di festa per il raggiungimento di un nuovo traguardo, è come se si ricominci tutto d’accapo. Da queste finali ci aspettiamo il massimo possibile. Ormai siamo arrivati a questo punto è sognare non costa nulla. Vogliamo scrivere la storia. Per arrivare in semifinale serve essere uniti, cattivi e anche un po’ fortunati nei momenti decisivi”.

Emozioni che trasudano anche dalle parole di Alessandro Mazza, che senza mezzi termini indica come “La squadra è ultra carica. Siamo arrivati fino a qui e non faremo vogliamo fare la  comparsa nelle Final Eight. Per poter essere competitivi a Cesena ci basta solo giocare da Martina. Giocando con la cattiveria agonistica e la voglia di vincere come sappiamo fare. Ce la giocheremo senza problemi. E poi come dimenticare il giocatore che ci ha fatto vincere tutte le partite, il Gruppo! Questo giocatore non l’ha nessun’altra squadra. Noi ci crediamo. In qualsiasi modo vada posso dire di aver vissuto un anno fantastico, irripetibile. Ma, comunque, non vogliamo fermarci e cercheremo di superare tutti gli ostacoli”.

Infine Carmine Esposito che spiega come affrontare i match di Cesena. “Queste partite che faremo bisogna approcciarle nei migliori dei modi con la massima concentrazione e determinazione. Sono convinto che faremo molto bene. Abbiamo tutte le carte per vincere lo scudetto. Ma .la soddisfazione più bella è che siamo solo noi come squadra del sud e sono sicuro che con l’umiltà e il sacrificio arriveremo in alto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *