LA DENUNCIA: “AL MOSCATI MACCHINARI PER LA RADIOTETAPIA GUASTI DUE GIORNI SU CINQUE”

La denuncia è del Comitato dei Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, il riferimento è ai macchinari utilizzati per la radioterapia. Il Comitato in una nota inviata alla stampa segnala che il funzionamento ad intermittenza degli stessi, due giorni su cinque non sarebbero utilizzabili perché ormai obsoleti.
“A Taranto, al Moscati, i macchinari per la radioterapia sono guasti due giorni su cinque, si legge nel comunicato stampa dei Liberi e Pensanti, sono di vecchia generazione e sono soltanto due. Due macchinari rispetto ai quattro di Lecce – per esempio – che in più sono di nuova generazione. Se a questo – prosegue la denuncia del Comitato – aggiungiamo la carenza di infermieri e il numero sempre crescente di pazienti, il quadro diventa fortemente critico. Può essere efficace una terapia che viene continuamente interrotta e rimandata perché i macchinari non funzionano?

Occorre intervenire e serve farlo subito. Le passarelle sono inopportune e tardive. Leggiamo di proposte per il polo oncologico, ascoltiamo parole di condanna, ma i fatti sono un’altra cosa. Il Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti da tre anni porta avanti una battaglia concreta per il potenziamento delle strutture esistenti, per una sanità davvero vicina al cittadino, siamo al fianco degli ammalati che non possono fare la radioterapia e siamo pronti a sostenerli anche in questa battaglia.

A settembre aspettiamo il presidente della Regione Puglia Emiliano per il convegno sulla sanità a Taranto, sono tante le cose che devono cambiare e nessuno può tirarsi indietro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *