L’AMMINISTRAZIONE DI CILLO, AL FIANCO DEL PRIMITIVO DI MANDURIA

L’Amministrazione Comunale di Carosino interviene sull’iniziativa della Regione Sicilia circa l’autorizzazione alla coltivazione della varietà di uve Primitivo sull’intero territorio siciliano, stabilita dalla Delibera di Giunta Regionale Sicilia n.1733 del 09/08/2019.
Nel corso del Consiglio Comunale, celebrato lo scorso il 19 Giugno presso le sale superiori del Palazzo Ducale D’Ayala Valva, il primo post Covid-19 (questa volta anche in streaming audio), oltre i numerosi punti all’ordine del giorno inseriti, si è discussa la mozione a tutela del Primitivo di Manduria, presentata all’Assise Comunale su impulso dell’Assessore all’Agricoltura, Avv. La Pesa, con l’intento di impegnare l’intero Consiglio con ogni possibile e necessaria azione a tutela di tale vitigno.
“Anche il Comune di Carosino si vuole schierare al fianco degli Enti ed Associazioni di categoria Pugliesi e di Manduria in particolare. – riferisce in Aula l’Assessore preposto al ramo– L’iniziativa della regione siciliana, la principale competitor della Puglia in ambito nazionale ed internazionale, appare un tentativo di appropriarsi indebitamente di una importante produzione vitivinicola, di fatto ignorandone la denominazione di origine, l’indicazione geografica, la tradizione e la qualità legata al territorio di provenienza, per un ritorno commerciale che penalizzerebbe pesantemente il comparto in Puglia ”
Secondo il Primo Cittadino, inoltre, “Il primitivo è espressione coerente e patrimonio storico del nostro territorio; la sua affermazione commerciale fa si che si possa definire volano della nostra economia vinicola ed enoturistica. È il risultato di decenni di sforzi, investimenti e sacrifici dei nostri conterranei e non possiamo permettere che tale patrimonio ci venga sottratto.”
Pertanto, la suddetta mozione, discussa ed approvata dai soli Consiglieri di maggioranza, che ne hanno condiviso e fatte proprie le ragioni politiche, sociali ed economiche, è stata inserita nella Deliberazione del Consiglio Comunale e sarà, dunque, trasmessa al Ministero delle Politiche Agricole, nonché all’Assessorato al ramo della Regione Puglia ed alla Provincia di Taranto, per precisa volontà della Giunta Di Cillo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *