L’ARCIVESCOVO SANTORO ALLA RASSRGNA DEL VOLONTARIATO

Nella tarda serata di ieri (intorno alle 23) sono giunti a Taranto 560 migranti, sbarcati da Nave Aviere nel Porto di Reggio Calabria ed imbarcati su 8 autobus partiti alla volta di Taranto.
Nel porto ionico è stato allestito il cosidetto “Hotspot” una struttura prefabbricata (che vedete nella foto in evidenza) in grado di ospitare fino a 400 persone, infatti le altre 160 sono state subito trasferite in altre sedi.
Dunque questi migranti non sono giunti a Taranto via mare ma da terra e come previsto dall’organizzazione di accoglienza nazionale sono ospitati nel capoluogo ionico fino a quando non sarà individuata una nuova destinazione, probabilmente la permanenza a Taranto di queste persone sarà di due o tre giorni.
L’area dove sono ospitati è un ex parcheggio del porto di Taranto, una struttura recentemente realizzata e costata 900mila euro. Ci sono alloggi prefabbricati, una tensostruttura, mensa e presidi sanitari. Il coordinamento spetta alla Prefettura con il supporto di Comune di Taranto, Protezione Civile, Asl, 118, Croce Rossa e le associazioni che si occupano di accoglienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *