Home Cronaca L’ARCIVESCOVO SANTORO IN VISITA AL COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI (LE FOTO)

L’ARCIVESCOVO SANTORO IN VISITA AL COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI (LE FOTO)

L’ARCIVESCOVO SANTORO IN VISITA AL COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI (LE FOTO)
0

Nella mattinata odierna, l’Arcivescovo Metropolita di Taranto, Mons. Filippo SANTORO, si è recato in visita pastorale presso il Comando Provinciale dei Carabinieri. L’Autorità religiosa, accolta dal Comandante Provinciale, Col. Luca STEFFENSEN, ha incontrato una nutrita rappresentanza di militari appartenenti alle diverse articolazioni del Comando Provinciale e alle altre linee organizzative presenti nel capoluogo jonico (Reparto Operativo, Nucleo Investigativo, Ufficio Comando, Compagnie distaccate, Agenzia Sicurezza Interregionale, Gruppo Forestale Carabinieri, Compagnia Carabinieri per la Marina, Sezioni di P.G. della Procura della Repubblica Ordinaria e Minorile) nonché una delegazione dell’organismo di base della rappresentanza militare.

All’Arcivescovo sono stati inoltre mostrati i nuovi mezzi in dotazione alla Sezione radiomobile e successivamente, all’interno della Centrale Operativa – organo propulsore della vita operativa del Comando Provinciale nonché centro di comando e controllo delle unità quotidianamente preposte alle attività di pronto intervento e di pattugliamento – il nuovo sistema di comunicazione denominato “Tetra”.

L’incontro è stato occasione per confermare ulteriormente il rapporto di particolare vicinanza interistituzionale che contraddistingue da tempo le relazioni fra l’Arma dei Carabinieri ed il clero nella città di Taranto.

Nel corso della visita l’alto prelato ha più volte riservato parole di apprezzamento per il quotidiano impegno profuso dai Carabinieri dell’Arma jonica nelle attività di contrasto al crimine a tutela della collettività e per la loro rassicurante presenza nelle diverse comunità della Provincia a salvaguardia della pacifica e civile convivenza. Al termine dell’incontro, il Comandante Provinciale ha fatto dono a S.E. Reverendissima di una lampada votiva finemente decorata a mano dai maestri ceramisti di Grottaglie, ricevendo, quale suggello della visita pastorale, una preziosa croce gemmata.