LITIGA CON IL VICINO E TENTA IL SUICIDIO

Gli Agenti della Squadra Volante sono intervenuti in uno stabile del centro cittadino di Taranto dove era stata segnalata una lite condominiale.
Giunti sul posto, i poliziotti sono stati contattati, davanti al portone del palazzo indicato, da una famiglia che ha raccontato di essere stata minacciata con un coltello a serramanico dal loro vicino di casa.
A detta delle persone minacciate, quest’ultimo dopo l’animata discussione si è poi rinchiuso in casa.
Gli agenti apprese tutte le notizie utili, hanno raggiunto l’appartamento dell’uomo invitandolo ad aprire la porta di casa.
Solo dopo qualche minuto dopo le insistenze dei poliziotti l’uomo, un tarantino di 49 anni, ha deciso di farli accedere all’interno del suo appartamento.
Il 49enne visibilmente agitato ha dichiarato agli agenti i suoi intenti suicidi e che per tali motivi aveva aperto tutte le manopole del piano cottura della cucina, saturando di gas l’intera abitazione.
Dopo aver immediatamente messo in sicurezza l’immobile, gli agenti hanno atteso l’arrivo dei vigili del fuoco che hanno così bonificato definitivamente la zona.
L’uomo è stato successivamente perquisito e trovato in possesso di due coltelli a serramanico, che sono stati posti immediatamente sotto sequestro.
Dopo essere stato assistito da personale del 118, giunto nel frattempo sul posto, l’uomo è stato denunciato in stato di libertà per minacce aggravate .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *