I LUOGHI DELLA “MOVIDA” NEL MIRINO DELLE FORZE DELL’ORDINE

Lo scorso fine settimana la Polizia di Stato ha effettuato dei servizi straordinari di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati più frequenti nell’ambito della cosiddetta “movida”.
Particolare attenzione è stata posta agli illeciti relativi alla detenzione, alla cessione e all’uso di sostanze stupefacenti, alla guida di veicoli in stato di alterazione psicofisica dovuta all’abuso di alcool o all’uso di droghe, alla somministrazione di bevande alcoliche ai minorenni, al disturbo della quiete pubblica da parte dei locali notturni e dei loro avventori e, infine, al contrasto dei parcheggiatori abusivi.
A tal fine sono stati impiegati diversi uffici della Polizia di Stato: la Squadra Volanti, i Falchi della Squadra Mobile, la Polizia Amministrativa che ha proceduto agli accertamenti di natura amministrativa e la Polizia Stradale che ha espletato diversi controlli con l’etilometro.
A queste attività, inoltre, ha preso parte del personale dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia locale.
Gli stessi controlli sono stati effettuati anche in provincia dal Commissariato di Martina Franca che, mediante il proprio personale della Squadra Volanti e della Squadra di Polizia Giudiziaria ha controllato vari esercizi pubblici tra cui bar e pub ubicati nel centro storico.
A seguito di queste attività sono state identificate numerose persone: tra queste cinque minori, presenti in un esercizio commerciale, che sono stati affidati ai propri genitori.
Ma non solo: sono state elevate varie contravvenzioni per trasgressioni al codice della strada – e tra queste un sequestro amministrativo per mancanza di copertura assicurativa di un mezzo – varie contestazioni di natura amministrativa da parte della Guardia di Finanza e, infine, l’identificazione e allontanamento di due parcheggiatori abusivi con precedenti penali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *