MALTRATTA MADRE E CONVIVENTE PER ESTROCERE DENARO PER LA DROGA

Maltratta la convivente e la madre per ottenere somme di denaro destinate all’acquisto di droga. I Carabinieri arrestano un 25enne in esecuzione di O.C.C..

I Carabinieri della Stazione di Massafra hanno dato esecuzione ad una Ordinanza di Custodia Cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Taranto, Dott. Benedetto RUBERTO, su richiesta del P.M. del medesimo Tribunale, d.ssa Giorgia VILLA, nei confronti di un 25enne, censurato, di Massafra, per maltrattamenti in famiglia ed estorsione.

Nel mese di aprile u.s. presso la Stazione Carabinieri di Massafra, la convivente del 25enne sporgeva una querela nei confronti di quest’ultimo, riferendo di subire reiteratamente episodi di percosse e maltrattamenti.

I militari, raccolta la denuncia, iniziavano una meticolosa attività investigativa che appurava un drammatico quadro di violenza domestica da parte dell’uomo che per un lungo periodo di tempo, attraverso sistematici atteggiamenti violenti, vessatori e minacciosi, vessava la giovane convivente. Le indagini hanno consentito di appurare, altresì, che l’uomo si rendeva responsabile, in numerose occasioni, di episodi di estorsione sia nei confronti della denunciante che della propria madre, pretendo dalle stesse, mediante minaccia e violenza, la cessione di somme di denaro sempre crescenti destinate all’acquisto di sostanza stupefacente di cui l’uomo ne è risultato abituale assuntore.

All’esito delle indagini dei militari, l’A.G. concordando a pieno con le risultanze investigative, in considerazione della pericolosità sociale ed al concreto rischio di reiterazione delle condotte aggressive, emetteva un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per maltrattamenti in famiglia ed estorsione.

Il 25enne, al termine delle formalità di rito, in ottemperanza a quanto sancito dal provvedimento cautelare, è stato tradotto presso la sua abitazione di residenza che, allo stato, è diversa da quella della convivente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *