MANCATO CONFRONTO CON I SINDACATI. RAMMARICO ASL

La Direzione Asl esprime stupore e rammarico per il mancato confronto sindacale che avrebbe dovuto svolgersi nella giornata di oggi.  Così come richiesto dalle sigle confederali e fissato dall’Azienda, infatti, avrebbe dovuto tenersi oggi un incontro per discutere della riorganizzazione di alcune attività sanitarie e per riprendere il confronto sui criteri di erogazione del c.d. premio covid, giusto riconoscimento ai tanti sanitari dei reparti in prima linea durante l’emergenza pandemica.
La sospensione di questo confronto, con la decisione di Cgil, Cisl e Uil di interrompere unilateralmente le relazioni sindacali, rischia di impedire o ritardare l’erogazione dei premi stabiliti a livello regionale proprio dalle organizzazioni sindacali. Ma anche di rinviare il raggiungimento di una intesa sul tema degli incarichi apicali del Comparto (le ex Posizioni Organizzative), che i dipendenti attendono da quasi cinque anni. Un ulteriore slittamento delle intese, faticosamente costruite negli ultimi mesi e quasi approdate al traguardo, con il conseguente mancato pronunciamento sindacale sulle risorse destinate alla remunerazione degli incarichi, rischia seriamente di produrre il paradossale risultato di non poter avviare le procedure selettive interne.
Si ricorda che la Asl Taranto ha già annunciato che intende, anche per il 2020, avviare nei modi consentiti una procedura di progressione economica orizzontale (PEO) del Comparto. Tale procedura, come le OO.SS. sono a conoscenza, non è possibile senza la previa certificazione dei fondi contrattuali da parte degli organi di controllo. Così come la produttività collettiva può essere liquidata a saldo in presenza di attestazione degli organismi di controllo.
L’Azienda Sanitaria di Taranto auspica, pertanto, un deciso ripensamento da parte delle OO.SS., confermando la totale disponibilità al confronto e al dialogo, anche rigoroso ma costruttivo. Lo esige il doveroso rispetto delle esigenze dei nostri professionisti, lo richiede il senso di responsabilità già in passato dimostrato dai rappresentanti sindacali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *