Home Cronaca MANDURIA: LA COCAINA IN UNA SCARPIERA, ARRESTATO DALLA POLIZIA DI STATO

MANDURIA: LA COCAINA IN UNA SCARPIERA, ARRESTATO DALLA POLIZIA DI STATO

MANDURIA: LA COCAINA IN UNA SCARPIERA,  ARRESTATO DALLA POLIZIA DI STATO
0

Il personale del Commissariato di Manduria, da pochi giorni diretti dal Commissario Capo Dott. Maurizio GRECO, al termine di tempestive indagini hanno arrestato un pregiudicato del posto, di 48 anni, per detenzione ai fini dispaccio di sostanza stupefacente.
I poliziotti che avevano notato da giorni, che quell’individuo incontrava nel centro cittadino, giovani noti come abituali consumatori di sostanza stupefacente, non hanno perso tempo nel far scattare appostamenti e pedinamenti fino a quando hanno rintracciato il domicilio dove si sospettava potesse essere nascosta la droga.
Dopo qualche giorno di osservazione, gli agenti hanno deciso di porre fine all’illecito traffico ed è scattata la perquisizione in casa del presunto spacciatore.
I sospetti si sono rivelati fondati: nel bagno dell’appartamento, all’interno di una scarpiera sono state recuperate una decina di dosi di cocaina già pronte per “vendita al minuto”, un bilancino di precisione e tutto il necessario per il confezionamento della sostanza stupefacente. Infine, in un giubbotto sono stati ritrovati circa 300 euro in banconote di vario taglio, ovviamente sequestrati perchè considerati provento dell’illecita attività di spaccio.
Il “pusher” dopo le formalità di rito è stato tratto in arresto.

IL COMMISSARIATO DI PS. DI MANDURIA HA UN NUOVO DIRIGENTE.
Il Commissario Capo della Polizia di Stato Maurizio Greco, 51 anni originario di Taranto, ha assunto la direzione del Commissariato di Manduria. Laurea in Giurisprudenza con master in Scienze della Sicurezza, nella Polizia di Stato dal 1998, proviene dalla Questura di Varese dove si è distinto nell’incarico di Dirigente della Squadra Mobile.
In precedenza ha svolto altri importanti incarichi da funzionario presso le Questure di Parma e di Brescia, dove si è occupato prevalentemente di attività investigative, conseguendo rilevanti risultati specialmente nel contrasto dei reati contro il patrimonio come furti e rapine. L’arrivo del neo dirigente ha sicuramente corroborato gli uomini del Commissariato rendendo nuovo slancio nell’attività investigativa ed operativa, così come descritto nella notizia dell’arresto del puscher riportata separatamente