MARTINA FRANCA, ADESIONE AL PROTOCOLLO D’INTESA MADE IN ITALY

E’ stata sancita, ieri giovedì 26 novembre, l’adesione al Protocollo d’intesa dedicato alla tutela e valorizzazione del Made in Italy e dell’economia di prossimità del tessuto produttivo di Martina Franca.

Il Comune, l’Università degli Studi del Salento, le maggiori organizzazioni sindacali (CGIL, CISL, UIL) e le associazioni di categoria (Confindustria, Confcommercio, Cna/FederModa) sono ora unite in un rapporto di collaborazione che vuole promuovere azioni efficaci a proteggere e diffondere il Made in Italy, oltre a sviluppare, nelle forme migliori, il commercio di prossimità.

L’iniziativa si è svolta in modalità telematica con tutti i rappresentanti istituzionali e associativi in collegamento dalle rispettive sedi, a partire dal Sindaco Franco Ancona, collegato dalla sala Consiliare di Palazzo Ducale insieme all’assessore allo Sviluppo Economico Bruno Maggi.

Nelle prossime settimane, non appena le condizioni riguardanti l’emergenza epidemiologica lo permetteranno, sarà organizzata a Palazzo Ducale una cerimonia ufficiale alla presenza degli otto firmatari.

Questo il pensiero del Sindaco Ancona intervenuto in rappresentanza del Comune :“È un bell’evento che mi rende molto orgoglioso di essere Sindaco di Martina Franca. L’idea di questo protocollo nasce e si sviluppa a Martina Franca anche perché gli imprenditori, le organizzazioni sindacali, le associazioni di categoria e tutte le maestranze hanno la capacità di pensare al futuro e soprattutto di saperlo interpretare.

Il valore di questo protocollo deve raggiungere, adesso, tutta la città ed anche le comunità vicine, essendo i territori sempre più interconnessi tra loro, diventando un modello da esportare.

Si concretizza una visione di città e di comunità utile nel costruire le condizioni per ripartire nel miglior modo possibile; ed è importante farlo ora,  in questo momento delicato.

Vorrei che l’ultimo scorcio di questa esperienza amministrativa serva anche per rendere irreversibile questo metodo di lavorare, basato sulla cooperazione e sulla partecipazione, sia nella   condivisione degli obiettivi che nella visione della città.

Gli obiettivi fissati dal protocollo sono ambiziosi ma ci impegneremo per raggiungerli. E si congiungono a una serie di azioni amministrative che stiamo completando in tutti i settori.

Per le attività produttive, non mi stancherò mai di ringraziare l’Assessore Bruno Maggi per l’instancabile lavoro di coordinamento che sta compiendo in questi anni, contribuendo in maniera determinante alla riuscita di fondamentali progetti per lo sviluppo della Città, come la nascita dell’Istituto Tecnico Superiore della Moda.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *