MASSAFRA: TROVATO IN POSSESSO DI 100 GR DI HASHISH, ARRESTATO UN 37ENNE INCENSURATO

  • di

Anche Francesco Montervino, ex direttore sportivo del Taranto, vittima degli hacker. Ma andiamo con ordine: dopo la salvezza conquistata dalla Salernitana, ai playout con il Lanciano, sul profilo Facebook del dirigente tarantino è stata pubblicata una foto con gli auguri per la permanenza ottenuta sul campo dai granata di Leonardo Menichini. Peccato, però, che quel profilo sia un falso e, purtroppo, tanti giornalisti ci sono cascati. Un augurio che non è piaciuto ai tifosi tarantini che hanno mostrato il proprio disappunto con delle scritte offensive comparse sui muri di recinzione dello stadio “Erasmo Iacovone”. Francesco Montervino interrompe il silenzio stampa imposto dal Taranto (valido fino al 30 giugno) per spiegare come stanno realmente le cose: “Ci tengo a sottolineare – riferisce a Blunote – che non ho mai avuto un profilo Facebook e non mi sorprenderei, dopo la denuncia che ho appena depositato alla Polizia postale, se si scoprisse che a crearlo sia stato uno dei tanti nemici che ha come unico scopo quello di screditarmi e mettermi in cattiva luce agli occhi dei tifosi del Taranto. Tra l’altro, la foto che mi ritrae con un bambino bisognoso di aiuto è almeno di tre anni fa, quando ancora indossavo la maglia granata. Andrò fino in fondo a questa faccenda, denunciando anche chi ha offeso la mia onorabilità con quelle scritte”.
Qui sotto alcune scritte apparse sui muri dello stadio Iacovone.
r0_tml1617778685697_506736170197_1465553155713371

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *