IL MOSCATI È “COVID FREE”

È negativo il tampone di controllo eseguito sull’ultimo – e unico – paziente covid ancora ricoverato presso il reparto di Malattie Infettive del Moscati. Ad oggi, dunque, il presidio Moscati, designato sin dall’inizio dell’emergenza quale hub-covid per Taranto e provincia, è ufficialmente “covid-19 free”. Il paziente, guarito dal virus, sarà trattenuto in reparto, in attesa di essere trasferito presso un centro riabilitativo a seguito dei postumi della malattia.

Sono passati 122 giorni dal 25 febbraio 2020, la data in cui fu ricoverato il primo paziente covid-19 presso il reparto di Malattie Infettive del Moscati, il quale fu anche il primo caso registrato in Puglia. Nei giorni successivi, il presidio fu designato quale hub-covid per ASL Taranto con la ri-organizzazione di spazi, accessi e modalità operative. Il successo del modello organizzativo attuato per fronteggiare l’emergenza epidemiologico si è basato sulla speciale collaborazione, attuata con impegno, sobrietà, dedizione e sinergia, tra la direzione strategica e tutte le strutture sanitarie coinvolte, tra le quali in particolare i reparti di Malattie Infettive, Pneumologia, Rianimazione, il Dipartimento di Prevenzione, il 118, l’area farmaceutica e il Laboratorio Analisi per i tamponi.

“La guarigione di quest’ultimo paziente covid è una notizia che ci allieta tutti – dichiara Stefano Rossi, Direttore Generale ASL Taranto – e segna una svolta importante in questo lungo periodo emergenziale, iniziato ufficialmente con il primo paziente covid di febbraio. Il mio plauso a tutto il personale sanitario che si è adoperato, in questi mesi, con dedizione e impegno nella causa”.

“La performance dell’hub-covid Moscati è stata ottimale e tutti qui hanno affrontato con fiducia, coraggio e impegno tutti gli aspetti di questa emergenza – sottolinea il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – Sono molto orgoglioso di questo gruppo di uomini e donne compatto, che ha saputo lavorare di squadra. Il mio augurio va, in particolar modo, al paziente dichiarato oggi guarito, per una pronta ripresa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *