NUOVE MISURE ECONOMICHE CONTENIMENTO COVID E NOVITÀ OASI SANT’ELIA

Il sindaco Fabrizio Quarto e l’assessore al Bilancio e Finanze Nicola Zanframundo comunicano che, nell’ambito delle iniziative di sostegno alle famiglie, ai lavoratori e alle imprese, determinate dall’emergenza socio-economica Covid-19, sono stati adottati alcuni importanti interventi.

In particolare è stata decisa (il provvedimento sarà approvato nei prossimi giorni in Consiglio comunale) la non applicazione di sanzioni ed interessi nel caso di versamento dell’acconto IMU 2020 entro il 30 settembre p.v., limitatamente ai seguenti contribuenti:

– Persone fisiche: per chi ha subito un licenziamento nel periodo tra l’8 marzo e il 31 maggio o chi ha beneficiato della CIG tra l’8 marzo e il 31 maggio;

– Ditte individuali o persone giuridiche: per chi ha subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nei mesi di marzo e aprile 2019 rispetto a quello di marzo e aprile 2020, di almeno il 50% rispetto allo stesso mese del periodo di imposta precedente.

Si precisa che le citate situazioni dovranno essere attestate entro il 30 settembre 2020, a pena di decadenza dal beneficio, sul predisposto modello di domanda.

Inoltre l’assessore Zanframundo ricorda che, sin dal 29 aprile 2020, è stato differito al 31 luglio p.v. il termine di pagamento della TOSAP e dell’Imposta di Pubblicità relative al corrente anno.

Rimanendo sempre in tema “economico-fiscale”, l’assessore al Bilancio e Finanze evidenzia che, grazie ad una rinegoziazione di prestiti concessi dalla Cassa Depositi e Prestiti, per quest’anno è stata recuperata una liquidità di circa 161.000 euro, mentre negli anni successivi l’importo disponibile sarà di 126.726 euro.

Per tali importanti somme liberate è in fase di ultimazione un piano di intervento che porterà ad ottimizzare l’impegno delle risorse.

Consegna ufficiale per i lavori di restauro e recupero conservativo di una porzione dello straordinario complesso dei trulli siti presso l’Oasi WWF Monte Sant’Elia.

A darne notizia sono il sindaco Fabrizio Quarto e l’assessore all’Urbanistica Paolo Lepore.

I lavori ai “trulli”, risalenti al XVII secolo, rientrano nell’ambito dell’Azione 1 del Progetto POR “Azioni per la tutela di flora e fauna di interesse conservazionistico nel SIC/ZPS “Area delle Gravine”, promosso dai Comuni di Massafra, Crispiano e Statte e finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito dell’Asse VI – Azione 6.5.1 del POR-Puglia 2014-2020.

A breve, nell’ambito dello stesso finanziamento, inizieranno anche i lavori di eliminazione dell’Ailanto, un genere di pianta invasiva, nella Gravina San Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *