OMICIDIO PALAGIANO, ERGASTOLO A DI NAPOLI

La Corte d’Assise di Taranto presieduta dal giudice Michele Petrangelo (a latere Misserini e sei giudici popolari) ha condannato all’ergastolo Giovanni Di Napoli, detto “Nino il Calabrese”, ritenuto il mandante del triplice omicidio avvenuto la sera del 17 marzo 2014, sulla strada statale 106, nel territorio di Palagiano (Taranto).

Nell’agguato furono ammazzati Cosimo Orlando, la sua compagna, Carla Maria Fornari, e il figlio di lei, Domenico Petruzzelli, di due anni e mezzo, mentre si salvarono i suoi due fratellini. Il movente sarebbe legato a contrasti personali tra Di Napoli e Orlando. Il collegio di giudici ha inoltre condannato a 4 anni di reclusione Giuseppe Ruffano, imputato per il furto, in concorso con Di Napoli, dell’auto che sarebbe stata usata come mezzo di copertura la notte dell’eccidio, e 2 anni con pena sospesa Antonio Valente e Antonio Daraio, entrambi residenti a Palagiano, accusati di favoreggiamento personale nei confronti di Di Napoli. (Fonte ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *