Home Altro PAOLO CREPET A CASTELLANETA

PAOLO CREPET A CASTELLANETA

PAOLO CREPET A CASTELLANETA
0

LA PASSIONE DI CREPET E LA TENACIA DI BENUSIGLIO PER I GIOVANI
Magna Grecia Awards Fest: il 23 e il 24 a Castellaneta altri talk show

I sogni, le difficoltà e le potenzialità del mondo giovanile al centro dei prossimi due appuntamenti del Magna Grecia Awards Fest, rassegna letteraria curata dallo scrittore e regista Fabio Salvatore.

I talk show all’aperto continuano martedì 23 luglio nel Palazzo Catalano di Castellaneta, ore 20:30 con lo psichiatra e scrittore Paolo Crepet e il suo “Passione” (Mondadori). «Senza passione, non c’è una vita vera. L’ unico modo per non arrendersi a questa perdita è, provocarla, inseguirla». È quello che fa Crepet, attraverso storie e riflessioni. Spiegare ai giovani che cosa significhi la passione, è fondamentale se si vuole «sostenerli nella scoperta e costruzione di sé – dice l’autore – alimentare la gioia, non anestetizzarli». Il libro contiene le testimonianze di tre esempi di passione: Paolo Fresu, jazzista famoso in tutto il mondo, Alessandro Michele, che ha rivoluzionato il panorama internazionale della moda, e Renzo Piano, tra i più celebri architetti contemporanei. Tre uomini diversi ma accomunati dall’entusiasmo che anima il loro lavoro e la fedeltà ai sogni di gioventù.

Mercoledì 24 luglio alle 20:30 nel Palazzo Catalano di Castellaneta la toccante testimonianza di Giorgia Benusiglio, che ha rischiato la vita per aver assunto ecstasy e che oggi ha deciso di usare la sua esperienza per mettere in guardia i ragazzi dall’uso di droga. Parlerà del suo “Io non smetto” (Piemme) insieme alla presentatrice tv e attrice Daniela Poggi.
Insicuri e convinti di essere invincibili, così si sentono gli adolescenti. Sempre attratti da nuove esperienze e la droga promette di spezzare la noia. “Se ne prendi poca, non può farti male”. Lo ha pensato anche l’autrice quando, a 17 anni, ha assunto mezza pasticca. Qualche ora dopo, era all’ospedale in coma epatico e si è salvata solo grazie a un trapianto di fegato. Adesso raccoglie voci simili in tutta Italia e di quel contatto con la morte, ne ha fatta un’arma di vita. Il libro racconta di questi eventi, la sua storia, ma anche quella di Matilde e Luca, giovani tentati dalla droga. L’esempio di Giorgia insegna che si può fare della propria esistenza un capolavoro, senza bisogno di pericolose stampelle.

L’ottava edizione del Magna Grecia Awards Fest rientra negli appuntamenti del Comune di Castellaneta – assessorato alla cultura. Patrocini: Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Puglia, Provincia di Taranto. Partner: I presidi del libro e Istituto Orazio Flacco di Castellaneta. Media partner: Il riscatto delle cicale.