“PERBACCO CHE…” PORTERA’ A TARANTO ANCHE LA NEVE

Inizia Perbacco che…Taranto, anche con la pioggia, sicuramente con la neve
A Taranto il Natale inizia prima di ogni parte d’Italia ed inizia Perbacco che, la nota manifestazione che promuove le eccellenze enogastronomiche italiane e solo italiane. Nel centralissimo borgo di Taranto, il salotto bello della città, in Piazza Maria Immacolata, Via D’Aquino, Via Di Palma, Via Berardi e Via Mignogna, un suggestivo paesaggio di casette, stand, clima natalizio da venerdì fino alla notte di lunedì 21 che dà l’avvio a Santa Cecilia, una festività molto sentita in tutto il Tarantino, durante la quale si addobbano gli alberi di Natale, si fanno i presepi e si friggono le pettole. Non mancheranno i primi mercatini di Natale in Italia, promossi sui più importanti portali specializzati come ad esempio www.tuttomercatinidinatale.it dove, nella home page, insieme a quelli di Innsbruck, Bolzano e Londra, ci sono quelli di Taranto. E se i mercatini soprattutto quelli dell’alto Adige si svolgono anche con la neve, quelli di Taranto si svolgeranno anche con la pioggia e con la neve…artificiale che cadrà copiosa in Piazza Maria Immacolata. Basterà coprirsi bene, visto che le temperature previste saranno basse e portare l’ombrello, il clima natalizio sarà ancor più suggestivo.
Tra gli stand enogastronomici non mancano i salumi, il capocollo di Martina Franca, i salumi di Norcia, la bombetta di Cisternino, le porchette, i fritti tra i quali il baccalà, le sfiziose patatine, i panini gourmet, le orecchiette con pesto di rape e cardoncelli e cavatellucci con stracotto di cinghiale e ceci, fatte al momento, i panzerotti e le cazzatedde cegliesi, le mozzarelle e le burrate di Martina Franca, le gnummeredde strafucate di Locorotondo, la Focaccia Umbra con prosciutti tagliati con il coltello, i tronere di Turi, i dolci di Sole di Puglia ed i pasticciotti pugliesi e tanti altri piatti selezionati da Puglia Gourmet. Ma il re rimane il vino, con degustazioni in calice di alcune tra le migliori cantine pugliesi, naturalmente accompagnati da caldarroste che con il freddo e la pioggia sono una vera manna del cielo. Rigorosa selezione anche dei mercatini selezionati tra tantissime richieste provenienti da ogni parte d’Italia.
Taranto è pronta ad accogliere i tanti turisti previsti, molti dei quali hanno riempito i B&B, che si affacciano anche per la prima volta nella città dei due mari. La scorsa settimana si è svolto un tavolo di concertazione al quale hanno partecipato, oltre che il Comune con i vari scompartimenti interessati, anche l’AMIU, l’AMAT il Comando dei Vigili Urbani. “E’ la prima volta”, ha dichiarato l’organizzatore Antonio Rubino, “che vedo una volontà di fare bella figura. Taranto è una città bellissima che merita di essere vissuta, certo che restano i problemi relativi ai parcheggi e la viabilità, ma l’AMAT ci ha assicurato delle corse extra, quindi è preferibile lasciare le auto in periferia ed arrivare in centro con i pullman. Le condizioni metereologiche devono essere usate non in modo negativo, ma come ulteriore elemento per vivere l’atmosfera natalizia, basti pensare che a nord Europa, ma anche in Italia, queste condizioni le hanno per sei mesi l’anno e affollano ogni evento similare a quello di Taranto. Quindi copriamoci bene, prendiamo l’ombrello, indossiamo gli scarponi per non scivolare e riempiano Taranto di buon umore che, soprattutto in questo periodo, ce n’è tanto bisogno”
Da Venerdì 18 Novembre fino alla mezzanotte di Lunedì 21 che dà inizio a Santa Cecilia, Perbacco che…, il Natale a Taranto sta per iniziare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *