Home Cronaca PIRANDELLO, ECCO IL VIDEO CHE INCHIODA I VANDALI

PIRANDELLO, ECCO IL VIDEO CHE INCHIODA I VANDALI

PIRANDELLO, ECCO IL VIDEO CHE INCHIODA I VANDALI
0

Nelle prime ore di domenica 23 aprile u.s., il plesso scolastico di via Pastore dell’Istituto Comprensivo “Pirandello” di Taranto veniva preso d’assalto da ignoti vandali con il fine di distruggere tutto quanto fosse possibile. Gli atti vandalici, paragonabili ad una vera e propria devastazione, procuravano gravi danni alla struttura ed alle suppellettili presenti. I vandali, all’interno della scuola, rovesciavano i vasi delle piante poste ad ornamento, scaricavano gli estintori portatili che venivano poi utilizzati come “pesi” per infrangere e distruggere circa 20 vetrate, srotolavano le lance antincendio e ne aprivano i rubinetti causando, così, l’allagamento dei pavimenti e la caduta dei controsoffitti in cartongesso, con le annesse plafoniere, di diverse aule, tentavano di appiccare il fuoco al contenuto degli armadi presenti nelle aule, devastavano l’aula conferenze distruggendone l’impianto audio.
Da subito, la locale Squadra Mobile, con l’ausilio della Sezione Volanti, iniziava un’attività di P.G., senza soluzione di continuità, tesa all’individuazione degli autori di tale grave ed inaccettabile fatto. La Polizia Locale di Taranto consegnava a questo Ufficio le immagini del circuito di videosorveglianza interno della scuola. Le immagini riprese dalle dieci telecamere dislocate all’interno della scuola permettevano agli investigatori di ricostruire minuziosamente la condotta criminale dei vandali. Gli stessi venivano ripresi più volte in modo nitido permettendo di focalizzare le proprie fattezze fisiche ed i capi di abbigliamento indossati.
Grazie alla profonda conoscenza del territorio da parte del personale operante, sulla base dei fotogrammi estrapolati e di una complessa attività di polizia giudiziaria si individuavano gli autori del reato, ambedue abitanti nel quartiere Paolo VI. Nel corso delle attività, si recuperavano anche gli indumenti indossati dai due soggetti per compiere il raid vandalico all’interno della scuola.
Venivano, pertanto, denunciati per danneggiamento aggravato due incensurati, uno di anni 19 ed un soggetto di anni 15.