POLIZIA DI STATO: QUANDO UN SOCCORSO PUBBLICO SI CONCLUDE CON UN LIETO EVENTO

Il Presidente del Consiglio Comunale di Taranto Pietro Bitetti intervene sulla riorganizzazione della Sanità ionica con una nota inviata alla stampa. “Tra le decisioni che starebbero per essere adottate dalla Asl, vi sarebbe quella di trasferire il reparto di Neuropsichiatria infantile in quello che i tarantini chiamano l’ospedale vecchio e cioè l’edificio, per intenderci, ubicato proprio nel cuore del Borgo, nel quadrilatero comprendente le vie D’Aquino, Acclavio, Anfiteatro e De Cesare. Su questa ipotesi, dando per scontata la piena libertà della Asl di provvedere al meglio, vorrei sollevare pubblicamente alcune perplessità. Al posto di Neuropsichiatria, scrive Pietro Bitetti, si potrebbe valutare l’opportunità di allocare nell’immobile in questione tutti i servizi e le strutture riconducibili alle attività ispettive inerenti la sicurezza nei luoghi di lavoro, insieme agli uffici incaricati di rilasciare le varie certificazioni riguardanti l’Igiene pubblica. Ciò al fine di costituire un vero e proprio polo sanitario che, se realizzato, secondo Bitetti, contribuirebbe a rivitalizzare l’intera area urbana interessata dove peraltro è situata una delle chiese storiche di Taranto, dunque un altro bene culturale che indirettamente ne trarrebbe beneficio.

E dunque procedere non con l’allocazione di reparti di cura e terapia per patologie che forse, per il bene degli stessi pazienti, meriterebbero di essere trattate in zone meno caotiche e centrali della città, prosegue il Presidente del Consiglio comunale di Taranto, ma realizzare un centro di coordinamento di attività che interessano da vicino aziende, imprese commerciali e privati cittadini. I quali, ovviamente, avrebbero un unico e sicuro punto di riferimento per ottenere ciò di cui hanno bisogno. Un unico polo sanitario, insomma, con il quale interfacciarsi; a beneficiarne sarebbe l’intero Borgo, il salotto della città, in ragione del fatto che l’utenza tutta – privati cittadini, commercianti e imprenditori – si rivolgerà, a seconda dei casi, proprio a questo neocostituito polo sanitario il quale, aspetto non trascurabile, è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Ecco quindi spiegato il ruolo che la Asl può giocare per perseguire un obiettivo certamente condiviso: rilanciare e valorizzare il centro della città.

Mi auguro, conclude Bitetti, che questa mia proposta, che sicuramente può essere migliorata negli aspetti prettamente tecnici, venga quanto meno presa in considerazione. In quest’ottica, sollecito il consigliere regionale tarantino Gianni Liviano ad adoperarsi per interessare gli organi competenti, sempre che egli condivida, come spero, lo spirito del mio interessamento.
Presidente del Consiglio comunale di Taranto
Piero Bitetti “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *